Network

Pio Conti chiarisce i punti scuri del vaccino Covid

Di Dom Serafini

Negli Usa, durante gli spot pubblicitari di farmaci si deve avvisare i telespettatori delle possibili reazioni avverse che questi potrebbero causare. Alla fine, l’elenco dei problemi con cui le medicine pubblicizzate sono associate e di chi non dovrebbe farne uso occupa più tempo della parte promozionale stessa.

            Gli avvertimenti non sono richiesti per legge, che impone solamente una “pubblicità veritiera” (truth in advertising), ma vengono inseriti per evitare possibili azioni legali. La pubblicità di farmaci che richiedono prescrizione medica é consentita solamente negli Usa e Nuova Zelanda.

            Come per ogni farmaco, anche i vaccini anti Covid possono causare effetti collaterali. Già sappiamo che serve cautela per chi soffre di allergie. Ma ci sono altri punti da chiarire sui vaccini per i non esperti, pertanto ne parliamo con il professore Pio Conti, ricercatore e docente di immunologia per post-laureati della Scuola di Medicina dell’Università di Chieti-Pescara. Conti da 36 anni per due volte l’anno si trasferisce a Boston ad insegnare immunologia farmacologica molecolare presso la Tufts University.

            DomandaQuali potrebbero essere gli effetti collaterali a lungo termine?

            Pio Conti: Al momento mancano prove convincenti sia cliniche che di ricerca che dimostrino la nocività degli anticorpi vaccinali. I vaccini sono sicuri oltre il 94%; ma se proprio vogliamo trovare un’imperfezione, potenzialmente possiamo dire che il vaccino anti-SARS-CoV-2, se provocasse un aumento eccessivo di anticorpi, potrebbe dare qualche problema patologico. 

            In individui precedentemente infettati, dopo vaccinazione, gli anticorpi si potrebbero sviluppare più rapidamente, in quanto le cellule che li producono sono già state pre-attivate del virus. Quindi, dopo vaccinazione, la morte delle cellule infettate potrebbe scatenare una reazione infiammatoria mediata in gran parte dal sistema immunitario, ma questa probabilità è molto scarsa.

            D: Considerando che le persone guarite dal Covid hanno sviluppato gli anticorpi e sono immuni per almeno otto mesi, dovrebbero vaccinarsi dopo otto mesi, oppure prima?

            PC:  L’immunizzazione, dopo il richiamo, dovrebbe durare dagli otto ai 12 mesi, dipende dallo stato immunitario dell’individuo. Terminato l’effetto neutralizzante degli anticorpi vaccinali, gli individui potrebbero essere rivaccinati, ma per non creare una eccessiva stimolazione anticorpale, un controllo sul titolo degli anticorpi anti-SARS-CoV-2 andrebbe effettuato.

            DPersone che risultano positive, possono o devono ricevere il vaccino?

            PC: Vaccinare un individuo è quasi sempre positivo, ma per non creare una eccessiva produzione, andrebbe misurato il titolo di anticorpi prima della vaccinazione, oppure il vaccino andrebbe effettuato quando l’individuo si negativizza.

            D: Perché le case farmaceutiche dei tre principali vaccini (Pfizer, Moderna e AstraZeneca) hanno chiesto ai governi immunità legale?

            PC: L’immunità legale chiesta dalle ditte produttrici di vaccini è una prassi che va quasi sempre effettuata, in quanto, se pur raramente, si potrebbero avere degli effetti collaterali vaccinali, con azioni legali contro le ditte produttrici.

            DPer i vaccini russi e cinesi sappiamo solo ciò che i governi dei rispettivi paesi vogliono che sappiamo. I paesi democratici hanno informazioni indipendenti o c’é il pericolo che anche in questi gli ‘esperti’ siano finanziati da russi e cinesi?

            PC: I vaccini provenienti da laboratori di Paesi democratici hanno una procedura molto chiara e aperta a tutti. Paesi come la Cina e la Russia, hanno generato un vaccino senza alcuna informazione scientifica, né chiara pubblicazione internazionale su riviste importanti e accreditate. Quindi è difficile esprimere un giudizio sul loro vaccino.

            DSe dovesse scegliere un solo vaccino tra i tre ora in commercio, quale sceglierebbe?

            PC: I vaccini oggi in uso hanno tutti superato precedentemente le prove cliniche e di ricerca e quindi sono tutti altamente affidabili e garantiti, soprattutto quello prodotto dall’azienda Moderna e Pfizer-BionTech.

            DPer concludere, una domanda stravagante: potrebbe l’aglio, le cui proprietà salutari erano conosciute addirittura dagli antichi egiziani (e fa scappare pure i vampiri!) aiutare contro il Covid?

            PC: Alcuni studi riportano che il consumo di aglio migliora le difese immunitarie e potrebbe essere utile integrarlo regolarmente nella dieta, in quanto ridurrebbe oltre alla probabilità di prendere l’influenza stagionale, anche la durata dei sintomi. Quindi da questo si deduce che l’aglio non fa male agli individui infettati da SARS-CoV-2 che presentano la malattia COVID-19, ma da questi effetti benefici molto blandi non ci si può aspettare un uso terapeutico efficace contro questa grave e pandemica malattia virale.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022