Progetto GAU – Intervista

  1. Con quest’ultima edizione, il team di street artist diventa sempre più variegato. L’obiettivo è quello di coinvolgere sempre più anime per la riqualificazione artistica ed urbana di Roma?

Abbiamo uno zoccolo duro di artisti che partecipano a Gau sin dalla prima edizione, sono affezionati al progetto, alle tematiche trattate e sanno come trattare un supporto ostico come quello delle campane della raccolta differenziata del vetro, ma ogni edizione vede l’avvicendarsi di nuovo artisti provenienti non solo dal mondo della street art, ma anche illustratori, fumettisti, pittori che con il proprio stile e le diverse tecniche riescono a rendere ancora più eterogenea la manifestazione.

  1. L’edizione 2020/21 è stata certamente segnata dall’esperienza covid. Quali sono state le difficoltà ulteriori per la realizzazione del progetto rispetto a quelle passate?

Tralasciando le difficoltà di ordine burocratico che sicuramente poco interessano al lettore, le restrizioni legate alla pandemia hanno modificato significante l’ “Open Gau”, le tre giornate conclusive della manifestazione e le attività formative legate al progetto. Gau infatti non è solo campane, ogni edizione è sempre caratterizzata da attività laboratoriali nelle scuole di ogni ordine e grado, da passeggiate teatralizzate che accompagnano il cittadino alla scoperta delle opere realizzate e da attività di riciclo creativo per sensibilizzare, non solo i più piccoli, ma anche i più grandi, sul tema del riciclo. Non volendo rinunciare a questo importante aspetto della manifestazione, quest’anno i laboratori sono stati organizzati secondo le norme vigenti, sono stati realizzati dei video tutorial sul riciclo creativo e la passeggiate teatralizzate sono state trasformate in un cortometraggio.

  1. Le campane di vetro diventano una tela d’artista. Un messaggio per la salvaguardia dell’ambiente e per una maggiore sensibilizzazione verso il riciclo. L’arte può davvero essere promotrice di questa campagna?

Certamente. Rendere bello, divertente, poetico un oggetto di uso quotidiano come le campane della raccolta differenziata del vetro, trasformandolo da mero oggetto funzionale in qualcosa che fa riflettere credo aiuti a sviluppare una cura diversa verso il bene comune.

GAU 2020
GAU 2020 Alessandra Carloni
GAU 2020 Alessandra Carloni
  1. Il muro d’artista dedicato ad Anna Frank prende la scena sensibilizzando verso il tema della memoria. Da dove nasce quest’idea?

Chi può spiegarlo meglio dell’artista stessa Alessandra Carloni “Il viaggio di Anna”, è un’interpretazione surreale e fiabesca, legata al mio stile, sul personaggio di Anna Frank. Eliminando qualsiasi legame alla tragicità e alle atrocità dell’Olocausto, e pensando all’opera come a un racconto che meglio possa adattarsi ad un contesto scolastico, i sono soffermata sulla “leggerezza” che è tipica dell’età fanciulla di Anna, che racconta il suo mondo adolescenziale e i suo turbamenti nel suo diario, trovando nella scrittura la fuga dalla realtà e la ricerca speranzosa di un domani. Eccola quindi come in un sogno, sopra una casa volante, trasportata da una mongolfiera, in un paesaggio indefinito mosso dal vento. Il suo diario, è fra gli oggetti sospesi che escono dalla casa, come parti del racconto di formazione che Anna ha trascritto, lasciandoci così una grande eredità storica, su una delle ferite più profonde dell’umanità.

GAU 2020 Moby Dick
GAU 2020 Wuarky
GAU 2020_Wuarky
  1. Con GAU Magazine sarà possibile rintracciare ogni informazione sul progetto. Il digitale a servizio dell’arte. Un supporto fondamentale?

Lo è sempre stato, sin dalla prima edizione. E’ molto importante che più persone possibili possano essere informate sul progetto, gli eventi ad esso legati e conoscere ogni artista che vi ha partecipato. E’ un aspetto su cui stiamo lavorando sempre più e dalle prossime edizioni ci saranno tante novità legate al mondo digitale.

Leggi anche:
Intervista a Dario Vero

Condividi
Tiziana Passalacqua

33 anni e mamma di tre splendidi figli. Innamorata della mia famiglia e, molto spesso, più bambina io di loro! Adoro il mio lavoro che, oltre a regalarmi soddisfazioni, rappresenta il mio momento di svago durante le giornate super indaffarate!

Ultimi articoli

Gli eventi culturali estivi nell’alta Tuscia

Due giovani operatori culturali, Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, hanno presentato la nuova stagione di…

23 Giugno 2021

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan. Oggi Draghi interverrà in Parlamento. In…

23 Giugno 2021

L’Abruzzo torna alla Niaf. Questa volta di sicuro

Di Dom Serafini La National Italian-American Foundation (Niaf) insiste con l'Abruzzo, che torna ad essere…

23 Giugno 2021

Si vede tutto

Nel recente passato “la morte in diretta” fu la frase ad effetto per descrivere i…

23 Giugno 2021

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga.  Ammontare…

22 Giugno 2021

Dal Vaticano: “Bloccate la legge Zan”

Il Vaticano ha presentato una «nota verbale» con cui chiede formalmente allo Stato italiano di…

22 Giugno 2021