Categorie: In evidenza

Puro autolesionismo

In politica i fatti raramente corrispondono alle parole (come in tante altre professioni).
Ma la politica non se ne preoccupa, il suo fatturato, il suo prodotto interno lordo sono le parole. Dopo la letteratura è la disciplina più verbosa e prolissa. Francamente un po’ ripetitiva.

Confesso di non credere ciecamente a quello che affermano i partiti e ogni volta
mi diverto a constatare la distanza, la distonia tra il dire e il fare.
Ad esempio: si fa chiamare centro-destra ma è solo di destra, il centro-sinistra è solo di centro. Mentre il centro-centro, vagheggiato e concupito da tutti, è formalmente vuoto.

Giuseppe Conte si dichiara di centro ma il PD lo considera l’astro nascente della sinistra.
Si presume che l’interessato sappia meglio di ogni altro che cosa vuole essere: niente da fare, Zingaretti e soprattutto Bettini sono sicuri che è un rivoluzionario.
Zingaretti è la vittima di tutto e di tutti (ma anche -e molto- di se stesso).
Al momento del governo giallorosso (Conte 2) voleva le elezioni, anche per rientrare in possesso di una quarantina di parlamentari che Renzi gli aveva portato via al momento della scissione.
Ma proprio Renzi, il nemico numero uno dei 5Stelle, aveva convinto tutti a sostenere il nuovo Conte.
In effetti non è stato difficile convincere chi c’era già a rimanere al governo e chi era fuori a ritornarci.

Chi ha eliminato Conte è noto (senza congiure internazionali).
Per la scelta del sindaco di Roma siamo arrivati al paradosso: Zingaretti non vuole lasciare la Regione, anzi fa entrare in giunta i pentastellati come gesto propiziatorio alla convergenza su una candidatura “unitaria” dei democratici.
La Raggi, che nel frattempo aveva perso l’appoggio persino della maggioranza del suo gruppo consiliare, senza sentire nessuno, con un semplice post si autoricandida, tra il giubilo generale del Movimento, fino allora criticissimo.
Peccato che nel frattempo Letta avesse convinto il Presidente del Lazio -che nella vaccinazione si è comportato benissimo- a candidarsi, a scapito del povero ex ministro del tesoro, lealissimo numero due di Conte al governo.
Come si fa nelle organizzazioni mafiose, la sentenza di morte è spettata a Conte, il più vicino alla vittima.

Cosa potrà pensare un elettore o un ex elettore del PD di fronte ad un partito che, uno dopo l’altro, delegittima i suoi massimi dirigenti, in nome di una alleanza che esiste solo nella testa di qualcuno.

In effetti i 5Stelle sono coerenti. Nessuno loro esponente ha mai fatto un gesto reale e concreto nei confronti degli aspiranti soci. Ma c’è una ragione: essi vivono il PD come il concorrente principale nel loro stesso segmento elettorale.
Nati solo per distruggere la vecchia oligarchia del Paese, essi non hanno un programma proattivo e progettuale. Si riservavano di chiederlo successivamente al “popolo”.
Si dichiarano post ideologici, che significa collocarsi in mezzo ai due schieramenti, pronti a governare con entrambi, giustificando la presenza con qualche tema identitario.
Ad esempio fare o non fare il ponte sullo stretto. Se si o no lo decideranno in seguito. E se lo faranno sarà ecologico (speriamo non biodegradabile).

Vi sembra possibile che il primo partito italiano si giochi il suo 32% di consensi sulle rette o rate della piattaforma? Che qualche centinaia di euro mensili possa invalidare la novità del partito “digitale”? E che il paladino della democrazia diretta non possieda i nominativi dei suoi soci- iscritti?

Chi si è piazzato in una condizione inattaccabile è Salvini che dice tutto e il suo contrario. Da quando è segretario di lotta e di governo di un partito contemporaneamente al potere e all’opposizione, difficilmente potrà essere sbugiardato su quanto dichiarato. A meno di pretendere che egli precisi meglio quando è uno o l’altro. Che ne sò?! È maggioranza i giorni dispari e minoranza quelli pari. Oppure ci aiuta a capirlo attraverso il colore delle mascherine.

Io un suggerimento l’avrei. Governativo fino alle ore 22, antigovernativo durante il coprifuoco.

Condividi
Gianluca Veronesi

Nato ad Alessandria nel 1950, si laurea in Scienze Politiche, è Consigliere comunale ad Alessandria per tre legislature, Assessore alla cultura ed al teatro, poi Sindaco della città. Dirigente Rai dal 1988 al 2018, anni in cui ricopre vari incarichi:Assistente del Presidente della RAI, Direttore delle Pubbliche relazioni, Presidente di Serra Creativa, Amministratore delegato di Rai Sat. E' stato consigliere dell’istituto dell’autodisciplina Pubblicitaria e del Teatro Regionale Alessandrino.

Ultimi articoli

Gli eventi culturali estivi nell’alta Tuscia

Due giovani operatori culturali, Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, hanno presentato la nuova stagione di…

23 Giugno 2021

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan. Oggi Draghi interverrà in Parlamento. In…

23 Giugno 2021

L’Abruzzo torna alla Niaf. Questa volta di sicuro

Di Dom Serafini La National Italian-American Foundation (Niaf) insiste con l'Abruzzo, che torna ad essere…

23 Giugno 2021

Si vede tutto

Nel recente passato “la morte in diretta” fu la frase ad effetto per descrivere i…

23 Giugno 2021

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga.  Ammontare…

22 Giugno 2021

Dal Vaticano: “Bloccate la legge Zan”

Il Vaticano ha presentato una «nota verbale» con cui chiede formalmente allo Stato italiano di…

22 Giugno 2021