La pecora nera

Roma: panineria 200 gradi

Una panineria in cui è sempre piacevole tornare, nonché ancora di salvezza se si ha bisogno di un pasto veloce in una zona altamente turistica. La proposta è decisamente completa grazie ai circa ottanta panini disponibili e alla possibilità di fare variazioni personalizzate. Al momento dell’ordine si può scegliere tra il pane ai cereali e il classico bianco per poi ordinare quello che si preferisce scegliendo tra ingredienti di buona qualità, tra cui anche presidi Slow Food, affettati, formaggi, verdure e molto altro. Disponibili pure panini per vegetariani, vegani e bambini.

Nel corso della nostra visita abbiamo provato il “Cenci” con petto d’anatra fumè, scamorza affumicata, crema di finocchietto selvatico e crema di zucca per un risultato ricco complessivamente ma con la scamorza poco saporita; avvolgente e gustoso il “Re di Roma” con ’nduja di Spilinga, zucchine grigliate e scamorza. Tra i panini stagionali abbiamo provato con piacere quello con prosciutto crudo e fichi di stagione dal buon equilibrio tra dolce e salato. In alternativa sono disponibili anche alcune insalate e dei panini dolci per lo più a base di Nutella. Sul fronte del bere si può scegliere tra birre artigianali, commerciali anche alla spina, un bicchiere di vino o una bibita.

Roma: panineria 200 gradi

200 gradi: ambiente

Diviso in due sale, nella prima si erge il grande bancone con gli ingredienti a vista e di fronte il tabellone con la proposta di panini; superato uno scalino c’è una saletta fornita di alcuni tavoli che si sommano a quelli esterni affacciati sulla trafficata piazza.

Servizio: Sbrigativo e di poche parole, a volte irruento, soprattutto nelle ore di maggiore affluenza.

Voto 3,5/5

200 gradi, Piazza Risorgimento, 3 – Roma. Telefono 06/39754239

Recensione tratta da La Pecora Nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Conosci il fratello di “Si è sempre fatto così…”?

Il LinkedIn Top Post di oggi 25/11/2022 è di Antonella Brogi. "Si è sempre fatto…

25 Novembre 2022

Ascesa e caduta di Aboubakar Soumahoro, cosa c’è di vero?

L’on. Soumahoro si è autosospeso dal gruppo Verdi-Sinistra. Gli ex soci della Lega braccianti lo…

25 Novembre 2022

Due visioni di mondo: “Siamo ciò che sappiamo” vs “Siamo ciò che possediamo”

“Siamo ciò che sappiamo” è il payoff di questo giornale, che è spazio di pensiero…

24 Novembre 2022

Atlante dell’infanzia (a rischio) in Italia 2022: per i bambini del sud più difficile accedere a cure mediche

Il LinkedIn Top Post di oggi 24/11/2022 è di Mariangela Campo e ci segnala un…

24 Novembre 2022

Giorgia non regge lo stress

Il governo ha pubblicato il testo integrale della manovra. La novità di ieri è che…

24 Novembre 2022

4 ore di formazione gratuita per scrivere il web

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giulia Bezzi ed è un invito da…

23 Novembre 2022