La pecora nera

Torino: Magorabin, ristorante gourmet

Magorabin: torna in guida questo bel ristorante stellato inserito per la prima volta tre anni fa quando aveva ancora l’offerta lunch a 35€. Per questa edizione, vista la nascita della sezione “fuoriclasse”, lo abbiamo provato nell’offerta serale, sicuramente più ricca e rappresentativa della cucina dello chef Marcello Trentini.

Il menù si apre con 2 percorsi degustazione – Origini di 8 portate a 100 euro ed Evoluzioni di 10 piatti a 120 euro – che offrono un’ampia panoramica sull’idea di tradizione e di creatività dello chef, il quale ama giocare con le parole del menù e con gli abbinamenti nei piatti, nel complesso sempre equilibrati e dai sapori decisi.

Ristorante Magorabin – Torino

Ristorante Magorabin: il menù

Si parte bene con i deliziosi appetizer gentilmente offerti – mini tacos di mais con cervo e avocado, funghi in carpione, uovo di quaglia pochè e il panino al vapore ripieno di lingua – accompagnati da una pagnottella a lievitazione naturale e da dei grissini stirati a mano serviti con dell’ottimo olio siciliano versato in un piattino. A seguire, l’eccellente diaframma marinato nel mezcal su gel di sedano e crema di mandorla, dalla carne tenerissima e ben assemblata con gli altri ingredienti. Meno incisivo ma comunque buono il pollo con giardiniera, dove quest’ultima era proposta in gocce di crema colorata.

Ottime le fettuccine con funghi e tartufo nero, dalla pasta al dente e dal buon amalgama, e sontuosa la guancia di manzo su crema di patate e carciofi con spicchi di carciofi croccanti accanto. Un rinfrescante sorbetto alla mela e finocchio annuncia il dessert vero e proprio. Un goloso semifreddo alle noci su crumble di noci, seguito da un caffè ben estratto e dalla crema elastica e persistente.

Interessante la carta dei vini, dalla quale si possono scegliere diverse etichette nazionali ed estere, dai ricarichi tendenti verso l’alto.

Ristorante Magorabin: Ambiente

L’inaugurazione del nuovo locale avvenuta la scorsa estate ha reso lo spazio più grande e accogliente: di fatto si è allargato annettendo il civico a fianco, aprendo nella precedente sede una bottega con prodotti ricercati e selezionati e con un laboratorio di panificazione vero e proprio. Due le sale con parquet a terra, toni scuri e luci ben posizionate a creare la giusta atmosfera; tavolo sociale da condividere e salottino con comode poltroncine dove accogliere gli ospiti che potranno gustarsi un calice di Champagne o un cocktail al suono dei dischi in vinile.

Servizio: Professionale, fluido e simpatico.

Voto 5

Magorabin, Corso San Maurizio, 61/b Vanchiglia – Torino

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Appello a uomini e donne di buona volontà: non disertiamo le urne!

Della nostra innegabile complessa realtà storico-politica, graniticamente avvinghiata alla filosofia del male, dell’opportunismo, della violenza…

7 Giugno 2024

Risparmiare il carburante sulla Classe A: il ruolo chiave degli pneumatici

La Classe A è un’auto che viene scelta dai consumatori per la capacità di fondere…

30 Maggio 2024

Le origini del machismo: tra branding, advertising e molto altro

Il machismo è una delle balle più colossali della storia dell'umanità e ho uno scoop…

20 Maggio 2024

La fine della viralità e la forza delle nicchie

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giampaolo Colletti e ci porta ad una…

20 Maggio 2024

The slight edge

Il dolore del rimpianto è molto più grande di quello della disciplina. The slight edge,…

20 Maggio 2024

Lavorare è collaborare

"Lavorare è collaborare" è il titolo e l'argomento del nuovo libro di Sebastiano Zanolli. Partirei…

20 Maggio 2024