La pecora nera

Torino: Ristorante Camilla’s Kitchen

Camilla’s Kitchen: di inglese, oltre al nome, in questo locale ci sono sicuramente gli interni e l’atmosfera. La cucina invece è dichiaratamente piemontese, a parte qualche piccola influenza nazionale e internazionale, come piemontesi sono del resto le materie prime di assoluta qualità che il titolare stesso va a scovare tra le eccellenze gastronomiche regionali. Volendo assaporare in toto la cucina piemontese si può scegliere il menù degustazione (40€), altrimenti la scelta à la carte dà la possibilità di provare anche interessanti variazioni sul tema.

Torino: Ristorante Camilla’s Kitchen

Camilla’s Kitchen , il menù

Dopo un buono sformato di cardi gobbi con fonduta di lait brusch, tartufo nero e nocciole, abbiamo assaggiato un gustoso vitello tonnato con salsa tonnata all’antica (senza maionese) e uova di quaglia sode, e delle capesante arrosto su crema di acciughe al peperoncino e insalatina di puntarelle, ottime per consistenza, ma dalla salsa un po’ troppo sapida e con dei fastidiosi grani di sale all’interno. Perfetto in cottura il risotto con cardo gobbo, salsiccia e barbera che al palato, però, risultava troppo saporito e mantecato con un formaggio, tra l’altro, non citato in menù; poco cremosi e pesanti gli gnocchi di patate viola ripieni di Maccagno serviti con burro Alta Langa, salvia e noci intere.

In chiusura, un “piemontsù”, versione del tiramisù con crema spalmabile alle nocciole e nocciole intere, con la crema poco compatta e disomogenea e i savoiardi eccessivamente inzuppati di caffè, e un salame di cioccolato le cui fette erano troppo spesse e fredde, quindi difficili da tagliare; buoni invece lo zabaione e il gelato al fior di latte in accompagnamento.

Eccessivi, inoltre, a nostro avviso i costi del coperto (3€) e del caffè (3€), tra l’altro non così aromatico.

Camilla’s Kitchen: l’ambiente

Gli interni sui toni del grigio tortora, il legno dipinto di nero e le applique lucide ricordano un ristorante londinese, con tavoli piccoli, a parte due tondi più grandi, eccessivamente vicini gli uni altri; la cucina è parzialmente a vista.

Servizio: Il titolare è molto competente sull’origine delle materie prime, sulla composizione dei piatti e a livello enologico; una minor dimestichezza nel servizio rende invece la consegna dei piatti meno attenta e un po’ approssimativa. Sarebbe preferibile lasciare il compito al bravo cameriere in sala.

Voto 3/5

Camilla’s Kitchen, Via Maria Vittoria, 49/b Centro – Torino. Telefono 011/8170253

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

La via del guerriero di pace

Nel mezzo del campus universitario di Barclay in California scorre la vita di Dan Millman,…

12 Aprile 2024

22 Aprile: incontro con Zanolli e La Barbera – Invia la tua domanda!

Lunedì 22 aprile ore 18.30 avrò il piacere e l'onere/onore di intervistare Sebastiano Zanolli e…

12 Aprile 2024

Aziende e linguaggio: perchè è così importante educare?

Chi avrà scritto quelle frasi sessiste?Tu forse no.E se fosse stato il tuo collega?E se…

12 Aprile 2024

Generiamo valore invece che stereotipi e pregiudizi

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Simona Ruffino e ci parla di “social…

12 Aprile 2024

Il caldo è alle porte: come preparare al meglio la tua auto?

La bella stagione è ormai in arrivo. Che tu abbia in programma una vacanza o,…

5 Aprile 2024

“Star and Stones” a Certaldo: Vincenzo Marsiglia illumina il borgo medievale con la sua visione contemporanea

Nella pittoresca Certaldo, cuore della Toscana e luogo natio di Giovanni Boccaccio, si prepara a…

12 Marzo 2024