Che poi, detto tra noi...

Torno a scrivere a colori!

Sono un po’ triste, eh oh! Mica può essere sempre trallallero trallalà.
È che per quanto ci siano situazioni chiarite e definite, pensate e decise, concordate in piena consapevolezza averle davanti agli occhi nero su bianco è un’altra cosa.

Ho voltato pagina, pagine bianche su cui c’è tanto da scrivere…
Solo che se prima si scriveva con mille colori, ora per paura si appoggia appena la matita.

Ci sono momenti in cui penso alle mie figlie e mi domando con quale coraggio possa avergli inflitto un tale dolore.
Ricordo ogni battito di quel momento, i loro occhi gonfi di lacrime.
Mi sono flaggellata per molto tempo sentendomi una madre egoista.
Per fortuna poi arrivano anche i momenti in cui comprendi con assoluta lucidità che non c’era modo migliore per insegnare loro a rispettare sempre se stesse, anche se provoca dolore, anche se gli altri non approvano.
Che l’amore verso gli altri è importante, ma quello verso se stessi è fondamentale.
Sono scelte difficili, spesso contrastate da te stesso, dal senso di responsabilità, dal non deludere, gli altri, soprattutto quelli più vicini.

Ti ritrovi a cercare quello spazio in cui amarti, perchè sai che anche tu hai bisogno di essere amata, compresa, accettata.

Piano piano affrontando ogni giorno senza fare troppi progetti ma cercando di non farmi sopraffare dalla paura del domani, sono riuscita a capire che quello che in tanti considerano un fallimento è stata una pagina bellissima della mia vita, una scelta scegliersi e una scelta prendere strade diverse.

Le favole a lieto fine piacciono anche a me, ma il mio libro non è mica finito!!! E il lieto fino ve lo racconterò magari più avanti, per ora provo a tornare a scrivere a colori.

Condividi
Mariagrazia Censi

Sono Mariagrazia, ho 46 anni sono nata nel mese più bello dell'anno (E qui lascio decidere voi, perché tanto ognuno avrà il suo) ho due figlie, Allegra ed Emma, due bassotti, Romeo e Ugo e un ex marito. Credo di essere una persona come tante, vorrei una casa al mare, una in montagna, viaggiare almeno una volta al mese, mangiare senza ingrassare ed essere felice, spudoratamente felice. Ma, come la maggior parte di voi, ho una casa sola, faccio qualche viaggetto ogni tanto, quando mangio ingrasso e sono solo felice, per lo "spudoratamente" ci sto lavorando. Ps da oggi scriverò su questo magnifico giornale nella rubrica che mi è stata affidata, ora, secondo me, o sono stanchi e vogliono chiudere di già questa testata giornalistica oppure, forse, ciò che scriverò potrà strapparvi un sorriso o una riflessione, per me è già un successo. Ah dimenticavo il nome della rubrica è "Che poi, detto tra noi..."

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022