Taccuino Londinese

Un facile gioco

Ha avuto molto risalto in Inghilterra il fatto che l’attentatore di Nizza fosse un profugo, pardon un migrante, entrato in Italia a Lampedusa. Ed in Italia ha soggiornato sino a sette giorni prima di compiere l’efferato delitto.

I tabloid inglesi, di cui si ciba la working class locale, han avuto facile gioco a trasformare il fatto in una ulteriore bandiera della Brexit. E’ questa l’Europa che lasciamo, gridavano gli agitatori di professione. Senza protezione dei confini, senza Legge. E’ questo che vogliamo evitare per la nostra Isola!

E’ strano cogliere come in Italia invece l’argomento sia passato sotto traccia, quasi di nascosto. Con un Covid pigliatutto che monopolizza l’attenzione, con dei partiti di Governo che ovviamente cercano di evitare l’argomento e partiti di opposizione a cui alla fine i migranti fanno comodo per aver qualcuno e qualcosa contro cui gridare, solo poche righe o articoli.

A nessuno serve la risoluzione del problema. E nemmeno l’analisi.

Forse interessa solo ai cittadini italiani, a cui vengono chiesti sempre maggiori sacrifici e restrizioni, che però devono godersi ingressi e uscite come se il Paese fosse recintato solo per loro. Provino loro ad andare a Nizza ora, in lockdown francese, con regolare carta d’identità…

Un peccato, perché come per il Covid il problema migranti dovrebbe essere dibattuto, studiato nei suoi flussi di movimento e religiosi e nei suoi impatti su città e sobborghi. Dovrebbe essere reso una risorsa per lo Stato e non per le criminalità.

Ma come per il Covid, richiederebbe pianificazione, organizzazione, tempo, volontà. E soldi. Non soldi ad personam per far diventare chi entra un business ma soldi per formazione, studio, insegnamento della lingua e della cultura Italiana ed Europea.

Una sciocchezza per chi forse non sa leggere o scrivere dite? Forse, ma se anche un poco, un pizzico di quanto mostrato e insegnato resta e di quanto ha attirato il migrante verso una miglior vita poi magari gli si prospetta, siamo sicuri che questa persona scelga poi di immolarsi per delle vignette su un pezzo di carta, anche se in nome di un Dio?

Londra reagisce come Londra non era solo qualche anno fa: senza aplomb. Strillando all’invasione. Ma fa quasi ridere, vedendo una città fatta di mille etnie e cento lingue. Religioni mai viste né sentite e perfino diete che diventano religioni.

Pub gestiti da irlandesi che invece di esplodere bombe contano fatture, ristoranti indiani, negozi pakistani, autisti di Uber turchi o moldavi. Londra urla, ma alla fine accoglie tutti. Ma per diventare inglese devi studiare, storia e lingua, e passare un esame. E poi lavorare. Noi a parole accogliamo tutti, ma emarginiamo tanti; troppi.

Esco dal mio ufficio di Torino e vedo un migrante che pulisce per terra, toglie le erbacce che attanagliano il ponte e tutte le isole pedonali attorno ad esso. Primo pensiero è per il Sindaco, che si era fatto fotografare in campagna elettorale con lo slogan “mai più erbacce”. E sorrido.

Poi capisco. Non è un impiegato del Comune. Leggo il cartello con ortografia incerta e italiano sgrammaticato: son arrivato qui, dice in summa, voglio fare il mio, anche io vivo qui, quindi lavoro dove posso.

Lascio il mio piccolo obolo. La sera quando ripasso quasi un chilometro del lungo Po sembra un rione di Bolzano. E mi chiedo: sicuri che i migranti non vogliano ascoltare, imparare, migliorare?

Condividi
Carlo Arturo Garuzzo

Carlo è fondatore e Presidente del Gruppo Energetico flyRen Energy Group, multinazionale tascabile dedita allo sviluppo, investimento e asset management nel campo delle energie rinnovabili. www.flyren.eu flyRen sviluppa, investe e fornisce consulenze a diverse Utilities italiane e straniere e a fondi Istituzionali che operano nel settore fotovoltaico. flyRen è attiva in Italia, Moldavia, Turchia e Regno Unito. Carlo Garuzzo ha un BA (Hins) in Studi Internazionali di Business conseguito alla European Business School in London ed ha conseguito presso la London Business School, il Corporate Finance Modular Program and Financial Seminar for Senior Managers. Dal 2019 è Console Onorario per la Repubblica di Moldavia per Torino e Piemonte, e si fregia di essere il Presidente del Club Torino of London, club che riunisce le imprenditorialità e professioni torinesi che vivono a Londra. Carlo è un socio del Club degli Investitori dedito a supportare start up Italiane ed è un mentor per giovani imprenditori in Techitalia Lab a Londra. Sposato, due figli, Carlo divide la sua vita fra Londra e Torino e parla correntemente Italiano, Francese e Inglese, con conoscenze avanzate di Spagnolo e Tedesco. Carlo, insieme ai suoi genitori Rosalba e Giorgio, sono mecenati che hanno creato oramai quindici anni fa l’organizzazione senza scopo di lucro “Istituto Garuzzo per le Arti Visive” (IGAV) www.igav-art.org , attivo in tutto il mondo per supportare i giovani artisti contemporanei Italiani.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022