In evidenza

Uno spettacolo indecoroso. Calate il sipario sull’elezione del Presidente!

Non voglio parlare di chi sarà il prossimo presidente e quando lo sarà devo dire che non mi appassiona più, credo che abbia ragione Piero Calamandrei e condivido: “Una delle offese che si fanno alla Costituzione è l’indifferenza alla politica”.

E partendo da questa perla di saggezza credo che lo spettacolo che da lunedì viene trasmesso a reti unificate sia indecoroso, indegno e soprattutto poco rispettoso di tutti noi, sì tutti noi uomini e donne che inermi, ad ogni ora, vediamo un piccolo gruppo di eletti che dichiarano o meglio delirano non tenendo conto del periodo che viviamo e che siamo costretti a subire.

Sapete cosa mi fa uscire dal senno, che quelle schede bianche e quelle astensioni sono esattamente lo specchio di chi siamo diventati, una sceneggiata pessima, raccontata h24, la cronaca triste dell’incapacità e dell’indifferenza.

Ci lamentiamo perché i cittadini non votano e allora che cosa pretendiamo? Una sfilata di voti fasulli, una kermesse di gossip e una serie sconfinata di dichiarazioni fantasiose, c’è anche chi si permette di dire che vuole tornare a casa dai figli… ma che voglia di venire sotto Montecitorio e dirvi che non siete degni di rappresentarci.

E allora, permettetemi una digressione, torno ad un dolore che provo molte volte, vivendo a Roma e frequentando spesso il centro, ormai è impossibile avvicinarsi a Montecitorio e Palazzo Chigi, prima era possibile attraversare i due slarghi e camminare davanti ai palazzi del potere, adesso tutto blindato, che pessima scelta, che terribile e miope idea quella di allontanare i cittadini dai palazzi della democrazia. Perché cari voi parlamentari, vi ricordo che siete eletti da noi e rappresentate noi, che con l’avvento del comico altro che inclusione e movimento, la casta si è fortificata, volete essere inavvicinabili perché forse siete davvero i vincitori di una lotteria inaspettata. Le zone delle istituzioni chiuse in nome della sicurezza? La verità, cari e care voi, è che avete paura delle vostre ombre!!!

Sono proprio stufa di vedere un teatrino, privo di strategie e tattica, una banda di suonatori stonati, altro che Prima Repubblica, altro che politici veri, la politica non abita più i palazzi che dovrebbero difendere la nostra Costituzione. E nel circo compare anche l’idea di una donna Presidente, ma si può tollerare la frase “è il momento di eleggere una donna”, una donna non un nome, una persona in particolare, e poi giù nomi così buttati a caso tanto le donne sono poche. Ma le nostre parlamentari non dicono nulla? Fanno il gioco di uomini che hanno un cognome, tutti si prestano a questo spettacolo mortificante della politica e delle famose quote.

Cosa importa chi verrà eletto, nelle sedi di partiti che si atteggiano a tali, si parla di sgabelli e poltroncine, di prossime elezioni e percentuali ad una o due cifre. Fuori milioni di persone con il virus, una burocrazia che è peggio della malattia, le scuole in subbuglio, ed una valanga di soldi da gestire di cui presto l’Europa ci chiederà conto.

Più in là oltre i confini infuriano guerre e invasioni minacciate, indipendenze messe in discussione e oggi perdonatemi mentre tutti hanno pubblicato campi di concentramento, ricordi e immagini simboliche, questa stessa Europa finge di non vedere i campi delle isole greche dove si vive in condizioni vergognose dove la dignità non esiste, dove si è numeri e non si hanno documenti, la stessa Europa che permette campi di detenzione in Libia e che lascia in balia delle onde e del mare vite umane, per non parlare del confine bielorusso con la Polonia.

Dobbiamo celebrare la Memoria, dobbiamo ricordare e onorare la memoria di tutte le vittime, impedendo che riaccada, impedendo che altri innocenti muoiano, perché forse voi che votate a caso ponendo il volto alla telecamera mentre sfilate in Parlamento, non sapete che gli esseri umani sono tutti uguali, tutti con gli stessi diritti anche se non tutti sono nati nei luoghi giusti. E mi dispiace che a questo gioco si stiano prestando tutti, il compassato e intoccabile Draghi si è accorto che si fa il gioco delle tre carte? Quel gioco antico che io napoletana conosco bene e che frega l’ingenuo sempre…

Insomma un po’ di ritegno nei confronti di chi oggi non ha riaperto la sua attività, dei giovani che vanno a scuola nel caos più totale, di chi ogni giorno prova a resistere alla crisi economica, a quegli anziani soli che non hanno assistenza, a quelle donne che sono morte per la mano di uomo violento , a quei bambini che non sanno se avranno un futuro, un po’ di rispetto per chi non partecipa al vostro triste spettacolo, spettacolo a porte chiuse perché il pubblico avrebbe il diritto di protestare e calerebbe il sipario su tanto squallore.

Chiudo con Platone “Una delle punizioni dovute al rifiuto di partecipare alla politica è che finisci con l’essere governato da tuoi inferiori”.

Condividi
Tiziana Buccico

Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022