Altri quadrati

Ancora a proposito di quadrati, questi sono utilizzati in enigmistica come schemi di gioco; alcuni di essi si sviluppano su particolari combinazioni secondo vere e proprie regole geometriche.

Il meccanismo è quello sul quale si basano le parole incrociate; in quel caso, però, l’inserimento delle caselle nere facilita la costruzione di vari ordini d’incroci e permette di raggiungere dimensioni rilevanti (Quello che forse è il più grande cruciverba del mondo, è sistemato nell’atrio del Centro Culturale di Annecy, nell’Alta Savoia: misura 12 metri e mezzo per lato, contiene 14.520 caselle ed è suddiviso in 120 colonne e per completarlo sono necessarie 4.245 parole).

Il numero limitato di parole in italiano terminanti con consonante non permette di superare con facilità le sei lettere. Gli esempi di 7 o 8 lettere per lato sono pochi e anche alquanto sforzati, poiché risulta inevitabile il ricorso a parole tronche o a voci verbali. È così per questo esempio 7×7

Al di là delle interessantissime disquisizioni interpretative sul quadrato di Pompei o su quello in lingua quichua, sono interessanti quadrati di lettere o di sillabe che costituiscono lo schema-pretesto per giochi enigmistici, come questo, coincisissimo, di Marin Faliero:

QUANDO ERI INNAMORATO
Gran rischio un giorno fu codesta cotta!

nel quale si celano tutte le quattro parole costituenti il quadrato: ‘mais’ («gran»), ‘alea’ («rischio»), ‘ieri’ («un giorno fu») e ‘saio’ («codesta cotta»).

I «quadrati sillabici» sono meno ostici e certamente più agevoli da costruire. Con essi riesce pure possibile realizzare frasi intere, addirittura a senso continuativo, come in questo esempio de Il Gagliardo:

dove la stessa frase, un desiderio che si cheta, può esser letta sia procedendo in verticale che in orizzontale. La combinazione diventa un gioco da risolvere quando per essa venga dato un “esposto” (per il caso citato è BRAMA APPAGATA) e si richieda una consequenziale frase risolutiva, indicandone il diagramma numerico (2,9,3,2,5). Nella stessa maniera Ciampolino propose un quadrato sillabico con esposto PARIDE, che andava risolto:

Nella stessa maniera l’esposto AVERNO dà luogo a l’aldilà di genti latine.

Compreso il meccanismo, può riuscire facile spiegare questi altri esempi (sono, a due a due, di Marmi e di Ecam):

ALCAZAR (9,6,1,5)
GINECOLOGI DI PECHINO (6,2,5,6)
BARZELLETTA (7,9,6)
MASSAIA ATTIVISSIMA (5,8,2,4)

Si tratta, anche qui, di semplici definizioni organizzate secondo l’obbligato schema geometrico.

In altri casi l’esposto è formulato in maniera tale da celare un’insidia: proponendo, ad esempio, IN CIMA ALLE PALME DI COCCO, Muscletone volle che si pensasse a

senza alcun riferimento all’albero, bensì alle “palme” delle mani di un bimbo (“cocco”); e anche il Il Troviero intese lo stesso con l’esposto PALME DI COCCO che dà luogo a quest’altro quadrato:

* I quattro esempi proposti più si risolvono con le frasi:

  • splen di da / di mo ra / d’a ra bi
  • me di ci / di don ne / ci ne si
  • gu sto sa / sto riel la / sa la ce
  • don na di / na mi ca / di ca sa

Leggi anche:
Il quadrato di Pompei

Condividi
Raffaele Aragona

Raffaele Aragona (Napoli), ingegnere, ha insegnato Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli “Federico II”. Giornalista pubblicista, ideatore e promotore dei convegni di caprienigma, è tra i fondatori dell’Oplepo. Per la “Biblioteca Oplepiana” ha scritto La viola del bardo. Piccolo omonimario illustrato (1994) e molti altri lavori in forma collettanea. Autore di Una voce poco fa. Repertorio di vocaboli omonimi della lingua italiana (Zanichelli, 1994), ha curato per le Edizioni Scientifiche Italiane, i volumi: Enigmatica. Per una poietica ludica (1996), Le vertigini del labirinto (2000), La regola è questa (2002), Sillabe di Sibilla (2004), Il doppio (2006), Illusione e seduzione (2010), L’invenzione e la regola (2012). Sono anche a sua cura: Antichi indovinelli napoletani (Tommaso Marotta, 1991, ried. Marotta & Cafiero, 1994), Capri à contrainte (La Conchiglia, 2000), Napoli potenziale (Dante & Descartes, 2007) e il volume Italo Calvino. Percorsi potenziali (Manni, 2008). Ha pubblicato il volumetto Pizza nella collana “Petit Précis de gastronomie italienne” (Éditions du Pétrin, Paris, 2017). È autore di due volumi per le edizioni in riga (2019): Enigmi e dintorni e Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale. Il suo Oplepiana. Dizionario di letteratura potenziale è pubblicato da Zanichelli (2002).

Ultimi articoli

Continuano gli attacchi hacker alla Regione Lazio

"Questa notte i sistemi informativi della Regione Lazio hanno subito e respinto l'ennesimo attacco, resta…

3 Agosto 2021

“Non odiare” vince l’Arco d’Oro di Est Film Festival 2021, a “Il caso Braibanti” va l’Arco d’Argento

Mauro Mancini si aggiudica il premio Creval per il miglior Lungometraggio, Carmen Giardina e Massimiliano…

3 Agosto 2021

Cena sul caliscendi con menu “tutto non comprato”

Di Dom Serafini I "caliscendi" sono nove e sparsi lungo il chilometro (circa) del Molo…

3 Agosto 2021

Happy Holidays

Le pubblicazioni della rubrica riprenderanno il 20 settembre. Auguro a tutti di trascorrere buone vacanze!…

2 Agosto 2021

Netflix: le serie sull’invecchiare sorridendo!!

di Tiziana Buccico Finalmente tra le tante angosce e i tanti mutamenti che questa emergenza…

2 Agosto 2021

Georges Perec cruciverbista, anzi, enigmista

Lo scrittore francese Georges Perec fu un abile e prolifico autore, non soltanto di romanzi;…

31 Luglio 2021