Network

C’era una volta Leonforte

Leonforte, un paese dell’entroterra siciliana, è un luogo che non esiste anche se oggi più che mai appare concreto e visibile: piove a dirotto, si allaga, le case vengono giù spinte dal fango. Proprio come oggi in una Sicilia travolta dai cambiamenti climatici. E’ la capacità narrativa di un siciliano che conosce la sua terra profondamente, la sua natura fragile, i suoi abitanti abbagliati dal sole così indolenti e così vivi, il suo fascino misterioso, intrigante, spudorato. Un libro in cui si intrecciano lingue diverse dal tedesco all’inglese, musica colta e nenie popolari, bellezza e bruttezza che si incontrano, si amano, si fanno del male fino a…

La scrittura di Buttafuoco scorre lenta come un fiume ma piena di umori, di notazioni, pregna di storia. Un libro che affascina, storie di uomini e donne, contaminazioni di culture, di amori e di misteri, di rosa e di nero. Lui, Rodolfo, siciliano di antica memoria gioca a biliardo e a ramino, è un presunto nobile con tutte le caratteristiche del figlio di mammà viziato e coccolato, compreso e scusato per la sua inutile vita. Incontra Ottavia bella e dinamica, nobile di antico lignaggio, esperta di cime, di ormeggi, di reti da pescatore, capitata tra le sue braccia per caso, sposa fedele e dedicata, vivace e piena di vita. Intorno a loro tanti personaggi con le loro ambizioni e i più vari mestieri: dal medico al farmacista, dal parroco al deputato dell’Assemblea siciliana, dall’operaio al piccolo imprenditore, dalle amiche di Ottavia a quelle di mammà. Gente che va e gente che viene a popolare la casa di Rodolfo fino all’onoranza funebre, fino a consolare le donne di casa quando Rodolfo muore dopo una lunga agonia alleviata dalle cure amorevoli di Ottavia. Ma la vita continua per alcuni nella mestizia per altri nei successi professionali. E per altri ancora nella custodia di irraccontabili segreti.

E il narrare dello scrittore continua, senza sosta mentre nel lettore nasce la curiosità di sapere dove lo porterà quella storia, quale sarà la svolta, il finale travolgente. Ma non riesce a immaginarlo. Buttafuoco ti continua a intrigare con la sua Sicilia, particolari fascinosi, chiacchiere di paese perché “le pazzie sono cose che passano”.

Il finale, si direbbe, è uno e trino. Comincia una giornalista a raccontare cosa è successo a Leonforte in quel 1951 quando la morte di Rodolfo è entrata nelle case svegliando dal torpore gli abitanti di quel paese dove ormai da tempo non accadeva più nulla. Come è morto? Un incidente o forse un delitto? La gente è incredula. E come ogni buon giornalista Ciccio Buscemi indaga, cerca, raccoglie voci e notizie, e lo racconta sul Corriere di Sicilia disegnando le possibili verità, i personaggi coinvolti, il tribunale di Nicosia  fino all’illustre avvocato Francesco Carnelutti che capeggiava il collegio di difesa che non può nulla contro la sentenza di colpevolezza e la condanna alla reclusione di due amanti.

Nell’epilogo, entriamo a Roma nella “tana del buonumore”, in una casa allegra e gioiosa con tre bimbi scatenati, servitù e maggiordomi, pranzi e feste in cui si incontrano tanti amici tra cui un inaspettato Pietro Nenni.

Cosa c’entra tutto questo? C’entra perché è qui, nel finale,  che ritroviamo la nostra protagonista, Ottavia, come non ce la saremmo mai aspettata.

E ad Ottavia spetta l’ultima parola nel secondo finale.

Un libro colto, pieno di riferimenti inaspettati. Una storia che scorre piacevole ma che tocca il diavolo e la morte.  Una Sicilia in cui, come diceva Goethe, c’è la chiave di tutto.


SONO COSE CHE PASSANO di Pietrangelo Buttafuoco
La nave di Teseo Ottobre 2021
Pag. 349

Condividi
Fabrizia Cusani

Fabrizia Cusani ha conseguito la laurea in Architettura presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II ed è stata per molti anni docente di Urbanistica alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Ha pubblicato saggi e libri tra cui, Roma una capitale in cerca d’autore con la prefazione del rettore Giorgio Tecce. Negli anni ’80 ha rilevato le Edizioni del Gallo, una piccola ma nota casa editrice particolarmente impegnata nella saggistica politica e sociale, che le ha permesso di aprirsi ad una nuova esperienza con la scrittura e con il lavoro di editor per fiction e film. Alla fine degli anni ’90 ha scelto di cambiare vita dedicandosi all’agricoltura e fondando l’azienda agricola L’Olivaia, specializzata nella coltivazione e produzione di olio extra vergine. Dal 2000 dirige l’impresa olearia Frantoio Tuscus, di proprietà della famiglia e insieme al marito, Giampaolo Sodano, ha scritto La guida dei frantoi artigiani e Fuga dalla città, oltre a vari saggi sull’olio. È assaggiatrice iscritto all’albo nazionale degli esperti di olio d’oliva e membro del panel test della Camera di Commercio di Viterbo.

Pubblicato da
Tag: Buttafuoco

Ultimi articoli

12 idee per creare Instagram Stories

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Francesco La Starza e devia un po'…

11 Agosto 2022

Meloni: “consegnato il fascismo alla storia”

"La destra italiana ha consegnato il fascismo alla storia da decenni ormai, condannando senza ambiguità…

11 Agosto 2022

Domandare è lecito, non rispondere invenduto

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Antonella Brogi e ci invita a riflettere…

10 Agosto 2022

Elezioni: Calenda – Renzi accordo in vista

Accordo sempre più vicino tra Calenda e Renzi. Ieri i due si sono sentiti ripetutamente,…

10 Agosto 2022

Voto giovanile? Poco più di un terzo del corpo elettorale… Bisogna andare a votare!

Si parla tanto di voto giovanile, ma poche sono le proposte che li riguardano, perchè?…

9 Agosto 2022

La frase subdola: “E’ contro il mio/nostro interesse ma…”

L'ho pronunciata anch'io in alcune situazioni ma quando me la sono sentita dire ho capito…

9 Agosto 2022