Categorie: Anteprima NewsOggi

Governo in bilico tra Mes e Recovery plan

Ascolta il podcast

Il Consiglio dei ministri, convocato, non si è però riunito ieri. Si doveva discutere del Recovery plan. Se ne riparlerà dopo il delicato passaggio parlamentare di oggi, con il governo Conte che dovrà verificare in Senato l’esistenza della sua maggioranza, chiamata a votare la riforma del Mes, il fondo europeo salva-Stati. Un passaggio che, dopo ore di fibrillazioni, sembra più tranquillo: ieri sera i gruppi di maggioranza e il governo hanno trovato l’intesa sul testo della risoluzione relativa alla riforma del Mes. L’accordo, spiegano fonti di governo, è ritenuto «soddisfacente» da tutti i gruppi, anche se Italia viva intende apporre la firma dei capigruppo in calce al testo solo dopo aver ascoltato l’intervento del premier Conte oggi in aula. Cominciata lunedì, la riunione del Consiglio dei ministri che doveva dare il via libera al piano per spendere i 209 miliardi che arriveranno dall’Europa con il Recovery plan, e alla norma sulla governance (chi comanderà e gestirà il piano), era stata rinviata a ieri dopo che la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, era stata costretta a tornare a casa perché positiva al Covid. Lunedì notte si è tenuto un preconsiglio per cercare di trovare l’accordo intorno al decreto legge sulla governance, cioè su chi avrà il potere di spendere i 209 miliardi. Ma invano. Italia Viva resta contraria alla cabina di regia immaginata dal premier e dalla quale resterebbe fuori, perché formata, oltre che dallo stesso Conte, solo dai ministri dell’Economia, Roberto Gualtieri (Pd), e dello Sviluppo, Stefano Patuanelli (5 Stelle). Ieri Matteo Renzi ha detto di «temere la rottura», pur sperando che non si arrivi a tanto e ha chiesto di convocare «una sessione ad hoc dopo la legge di bilancio. Poi si decide chi spende i soldi e come». Forza Italia s’è detta d’accordo con l’idea di Renzi (Tajani: «Ben venga una bicamerale per trovare le soluzioni migliori») ma il M5s ha subito bocciato la proposta per bocca del reggente Crimi. Spiega Enrico Marro sul CdS: «I renziani ribadiscono che non voterebbero una norma che accentra, secondo loro, i poteri nelle mani di Giuseppe Conte, il quale nominerebbe anche i sei manager che guiderebbero una tecnostruttura di una novantina di esperti di settore chiamati a gestire l’attuazione dei programmi del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, suddiviso in sei capitoli: rivoluzione verde, digitale, infrastrutture, istruzione, inclusione sociale, sanità. A questo punto il governo aspetterà il voto di oggi sul Mes e forse anche il Consiglio europeo di giovedì e venerdì, chiamato a ratificare a Bruxelles la stessa riforma del fondo salva-Stati e a sciogliere il nodo del veto di Polonia e Ungheria sul bilancio europeo, che rischia di congelare lo stesso Next generation Eu, cioè il piano europeo dal quale dovrebbero appunto arrivare al nostro Paese i 209 miliardi (tra prestiti e trasferimenti)». Il rinvio del Consiglio dei ministri avrebbe fortemente irritato la Merkel. Ursula von der Leyen ha negato che il sistema scelto (finora) da Conte per spendere i soldi del Recovery sia stato suggerito da Bruxelles.

«Alla fine anche Giuseppe Conte il mite, quello che nel 2019 si presentò in Parlamento giurando che l’efficacia del nuovo governo non si sarebbe misurata con l’arroganza, va a sbattere contro un mal calcolato atto di forza. Come Matteo Renzi sul referendum costituzionale. Come Matteo Salvini sui pieni poteri. Anzi di più, perché l’idea di affidare il gigantesco sforzo del Recovery Plan a un areopago di manager, concedendogli addirittura un’autorità sostitutiva rispetto alle ordinarie catene di decisione e comando, è una sfida di qualità superiore a ogni precedente strappo, a ogni storico trascorso italiano in materia di emergenze» [Perina, Sta].

In prima pagina

• La novantenne Margaret Keenan è la prima persona a ricevere il vaccino anti Covid di Pfizer-Biontech. La vaccinazione di massa in Gran Bretagna è iniziata ieri alle 6.31 in un ospedale di Coventry
• In Italia il tasso di positività è sceso al 9,9%. Ieri 14.837 casi con meno di 150 mila tamponi analizzati. I ricoverati sono 443 in meno, -37 in terapia intensiva, 634 i morti
• Da domani si fermano i collegamenti ferroviari tra Svizzera e Italia: impossibile – dicono gli svizzeri – controllare tutti i passeggeri come imposto dall’ultimo Dpcm
• Positivi al coronavirus quattro leoni dello zoo di Barcellona
• Il Mose non viene azionato e Venezia finisce sotto un’acqua alta di 138 centimetri
• Biden ha scelto il generale in pensione Lloyd Austin come segretario alla Difesa. Sarà il primo nero alla guida del Pentagono
• Alle 7 di mattina, sotto la pioggia, papa Francesco si è presentato a sorpresa in Piazza di Spagna per una preghiera a Maria Immacolata
• Champions, la Juve distrugge il Barcellona (3 a 0) ed è prima nel girone. La Lazio pareggia e conquista gli ottavi, risultato storico
• A Parigi si sospende la partita di Champions: il quarto uomo – rumeno – ha usato la parola “negru” per indicare all’arbitro l’assistente dell’allenatore da espellere. Caso internazionale
• Catturato un lupo che si aggirava per le strade di Potenza in cerca di cibo
• La prima donna in un ruolo di comando nel ciclismo maschile è Cherie Pridham, nominata direttore sportivo del team israeliano di Chris Froome
• È morto a 97 anni Chuck Yeager. Fu il primo pilota a superare in volo la velocità del suono

Clamoroso

“Ci saranno un milione di morti per cancro in più nel mondo a causa del coronavirus” stime dello Sloan Kettering, ospedale oncologico di New York


Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Ultimi articoli

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021

Dal 15 ottobre il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori

Dal 15 ottobre il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori, pubblici e privati,…

17 Settembre 2021

La linea politica per la terza dose è dubbia

La linea politica per la terza dose è dubbia, mentre aumenta il dissenso. Studi contrapposti aumentano…

16 Settembre 2021