Anteprima News

Grande Fratello di Stato: dal 1 marzo via alla “sorveglianza massiva” dei cittadini

Succede Oggi:

Sole e nuvole su tutta Italia, con un po’ di pioggia e neve sull’arco alpino • Primarie in New Hampshire • Il libro di papa Francesco su Wojtyla San Giovanni Paolo Magno • A Reggio Emilia si presenta la nuova monoposto della Ferrari • Un Hockney da Sotheby’s a Londra, si spera di superare il record di 90 milioni • Giornata mondiale del malato • Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza • Giornata per la sicurezza in rete •  Al Senato una mostra sulla stampa di destra nel periodo 1945-1995 • I suicidi di massa alla fine del Terzo Reich • A Milano si proietta un vecchio film del premio Oscar Bong Joon-ho mai uscito in Italia • Al Teatro Franco Parenti Testori messo in scena da Ruth Shammah • Olivetti al Maxxi • Torna Costantino della Gherardesca con Pechino Express • Il Vangelo di oggi: Gesù a Gennèsaret.

Dal 1 Marzo saremo tutti spiati dallo Stato?

La data da segnare sul calendario è il 1º marzo, quando troverà piena applicazione il Grande Fratello di Stato. Ovvero quel sistema investigativo fatto di software spia che, per dirla con le parole del Garante della privacy, ha tutte le carte in regola per trasformarsi in «uno strumento di sorveglianza massiva» dei cittadini.

La novità ruota attorno al trojan, virus spia che una volta installato in un dispositivo (computer, cellulare, tablet) permette di prenderne il totale controllo dall’esterno. L’utilizzo per i pm del «cavallo di Troia» nelle intercettazioni è stato disciplinato dalla riforma Orlando del 2017 che ne permetteva l’applicazione in determinati ambiti investigativi, poi ampliati (e non poco) dalla legge Spazzacorrotti di Alfonso Bonafede. «Uno strumento irrinunciabile per le indagini», esultava il ministro grillino a dicembre. Dimenticando però le ombre di un sistema che fa sorgere perplessità e preoccupazioni.

I trojan infatti sono strumenti spia potentissimi. Una volta infettato un dispositivo permettono di attivarne dall’esterno il microfono, la videocamera, registrare il segnale Gps, fare screenshot dello schermo, carpire le password e gli scambi di messaggi. «Un livello di introduzione nella vita degli individui – scrive l’osservatorio di Eurispes – ben più pervasivo di quello teorizzato dai fautori della più cupa letteratura distopica».

Il problema è che la legge, ancora troppo astratta, disciplina l’uso dei trojan solo ai fini delle intercettazioni e non tiene conto di molte altre potenzialità dello strumento. Non è infatti escluso, per esempio, che possa essere utilizzato «per eliminare contenuti presenti sul dispositivo», «simulare conversazioni» o ancor peggio «creare materiale ad hoc». Magari inserendo file compromettenti all’insaputa del proprietario. Per combattere gli abusi occorrerebbe tracciare le operazioni eseguite sui dispositivi, ma le difficoltà tecniche lasciano perplessi anche gli addetti ai lavori. Basti infatti pensare che per il procuratore di Messina, Maurizio De Lucia, «la maggioranza dei Tribunali non risulta ad oggi disporre dei mezzi informatici né di personale adeguato ad affrontare la rivoluzione digitale». Con tutti i pericoli che ne conseguono.

Grande Fratello di Stato, dal 1 marzo saremo tutti spiati?

Tra questi vi sono anche problemi tecnici nelle modalità di consegna delle registrazioni dalle società-spia (private) alle Procure. Il sistema automatico e i server pubblici non sono pronti e al momento l’unica soluzione sembra essere quella di caricare i file delle conversazioni su un dvd per poi portarli fisicamente al pm. Un sistema, come emerso dalle audizioni degli esperti in commissione al Senato, che «non è assolutamente in grado di garantire l’autenticità, la genuinità e la conformità di quanto prelevato dai server dell’impresa» rispetto a quanto consegnato in procura. Non solo. Perché le società dispongono di propri software e i file per essere uniformati necessiteranno di essere «convertiti», rischiando così di rendere «non originale» l’intercettazione. «L’intero sistema – si legge – potrebbe rivelarsi inefficace o inidoneo a garantire le esigenze di segretezza».

Infine, né Bonafede né Orlando si sono posti il problema di mettere nero su bianco se le conversazioni contenute nei software privati debbano essere cancellate oppure no. Col paradosso che alla fine potrebbero essere conservate in due archivi, raddoppiando così il rischio delle odiose fughe di notizie. Magari su fatti privati che nulla hanno a che fare con l’indagine in corso (Giuseppe Di Lorenzo – Il Giornale).

Clamoroso

Diagnosi di cancro ogni giorno in Italia: mille. Nuovi malati di cancro nel 2019: 371 mila, di cui 196 mila uomini e 175 mila donne. In crescita l’incidenza fra gli adolescenti [Gabanelli-Ravizza, CdS].

In prima pagina

• Il primo vaccino al coronavirus è in fase di test in Cina. Secondo ricercatori tedeschi, il virus può rimanere infettivo sulle superfici degli oggetti. È ricomparso in pubblico il presidente cinese Xi Jinping. Con la mascherina si è fatto misurare la febbre. Pechino critica l’Italia: «Non adotti misure eccessive»
• La tempesta Ciara è arrivata in Italia, danni in Piemonte
• Prescrizione, Renzi prepara una mozione di sfiducia contro il ministro della Giustizia Bonafede. Il governo è a rischio
• Unicredit taglierà entro il 2023 seimila posti di lavoro e 450 filiali in Italia
• Dopo cinque anni la produzione industriale italiana è tornata a scendere, e molto. Il quarto trimestre del 2019 è stato il peggiore dal 2012. Tonfo dell’auto
• Anche Rete Ferroviaria Italiana è indagata per il Frecciarossa deragliato a Lodi
• Annegret Kramp-Karrenbauer, leader della Cdu tedesca e considerata l’erede di Angela Markel, non si candiderà alle elezioni federali del prossimo anno e lascerà la guida del partito
• Almeno trenta persone sono state uccise in un attacco jihadista nel nordest della Nigeria. Rapiti donne e bambini
• Otto tifosi del Verona con la sagoma di Hitler sul berretto sono stati fermati allo stadio di Bologna. Denunciati per violazione della legge Mancino
• Il caso del parroco di San Giorgio Monferrato che ha abbandonato la tonaca ed è diventato referente di Forza Nuova
• La Spal ha esonerato Leonardo Semplici. Il nuovo allenatore è Luigi Di Biagio
• È morto Giancarlo Morbidelli, pioniere delle moto moderne.

Cultura e Spettacolo

Da oggi in libreria: San Giovanni Paolo Magno di Papa Francesco con Luigi Maria Epicoco (San Paolo). Domenico Agasso jr su La Stampa: «Sul celibato dei preti Francesco la pensa come Giovanni Paolo II. Lo definisce “un dono, una grazia decisiva che caratterizza la Chiesa cattolica latina. E non un limite”. E, se oggi c’è chi lo chiama “papa comunista”, a Buenos Aires Bergoglio è stato “percepito come un conservatore”, per la sua “sintonia” con Wojtyla. Altro libro: Carlo Maria Martini e gli Anni di piombo. Le fatiche di un vescovo e le voci dei testimoni di Silvia Meroni (Àncora). Al Conservatorio di Milano concerto del Trio di Parma (ore 20.30). Altri concerti: i Negrita sono al Teatro Creberg di Bergamo, i Dream Theater al Palazzo dello Sport di Roma, gli Editors all’Alcatraz di Milano.

Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022