Lettera da

I libri di Rottura su vini e cucina ispirati da esperienze personali

Il newyorkese Gianluca Rottura ha appena pubblicato un libro sulla cucina italiana partendo dalla storia della sua famiglia. Anzi, di libri ne ha scritti due, il primo pubblicato originalmente nel 2004 per descrivere in modo semplice come apprezzare i vini, infatti s’intitola “Wine Made Easy”, il secondo é uscito verso la fine del 2021 ed é intitolato “”Má, What Are You Cooking?”.

            Rottura ci tiene a precisare di non essere cuoco né sommelier, ma di essere cresciuto tra vini e ristoratori, infatti il padre Alberto é stato per 11 anni (a partire dal 1984) il co-proprietario di Sistina, famoso ristorante su Madison Avenue.

            Poi Alberto nel 1997 ha prelevato un negozio di liquori sulla Prima Avenue, sempre a New York City, negozio che era stato aperto subito dopo il proibizionismo, lo ha trasformato in un negozio prima di vini italiani, poi con un assortimento internazionale chiamandolo “In Vino Veritas” ed ora é gestito dai figli, il 47-enne Gianbruno ed il 43-enne Gianluca.

            Alberto é scomparso nel maggio del 2020 per il Covid, che lo aveva colpito due mesi prima, quando il virus era nella sua fase di massima virulenza, ancora senza vaccini a disposizione. Era emigrato a New York dalla Calabria nel 1960 all’etá di 17 anni e sei anni dopo aveva aperto un negozio di parrucchiere, dove nel corso degli anni ha servito clienti del calibro di Judy Garland e Michael Bloomberg (che ha continuato a frequentarlo fino a quando Alberto si é ammalato).

Entrambi i libri di Gianluca (che mostra nella foto) sono stati pubblicati dalla casa editrice Ingram Spark,  in vendita a $20 quello sui vini e $45 per “Má What Are You Cooking?”

“Wine Made Simple” consiste di sole 54 pagine, con un glossario di termini e descrizioni di 273 tipi di vino da 26 nazioni, di cui 170 italiani, con il Piemonte che primeggia con 20 tipi di vino. “Má What Are You Cooking?” é invece un volume molto diverso.

Per prima cosa consiste di ben 380 pagine, pesa la bellezza di 1,5 kg! Le prime 11 pagine descrivono principalmente la storia della famiglia Rottura e i personaggi che orbitavano loro attorno, con riferimenti a film come “Il Padrino” e “Quei Bravi Ragazzi” di Martin Scorsese. Il titolo del libro deriva dalla tipica domanda che Gianluca faceva per telefono alla madre prima di tornare a casa: “Má, cosa stai cucinando?”

Prima di emigrare a New York da Salerno, la madre, Liliana D’Aiutolo, era una brava ballerina, e poi é diventata una brava cuoca. Oltre alla descrizione delle ricette, che spaziano dal risotto al baccalá, Gianluca elenca con precisione gli ingredienti tipici, come i pomodori di San Marzano e vari tipi di porcini.

Il volume si conclude con la scritta “Fine” a grandi caratteri, ed essendo il libro in lingua inglese, sta a significare anche “bene”. 

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Pubblicato da

Ultimi articoli

Commissione UE autorizza allentamento regole su aiuti di Stato

La Commissione ha autorizzato l’allentamento delle regole comunitarie sugli aiuti di Stato fino al 2025.…

2 Febbraio 2023

Vorrei averlo fatto: come vivere una vita senza rimpianti

Avevo in mente un argomento diverso per oggi, ma durante un viaggio a ho letto…

1 Febbraio 2023

LinkedIn e AI: opportunità o pericolo?

Si parla moltissimo di intelligenza artificiale e ChatGPT in questi giorni, della rivoluzione che sta…

1 Febbraio 2023

Quanti Lead del sito web riusciamo a convertire in MQLs

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Daniele Rimini e ci parla di MQLs,…

1 Febbraio 2023

Donzelli accusa deputati PD

Alla Camera l’on. Donzelli (FdI) ha accusato quattro deputati del Pd, che erano andati a…

1 Febbraio 2023

Meloni ha incontrato il presidente del Consiglio europeo Michel

La premier Meloni ha incontrato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Hanno parlato di…

31 Gennaio 2023