Network

Il tacchino di Natale

Ho riletto, casualmente, pochi giorni fa, questo racconto di Moravia e l’ho trovato, visto i tempi, straordinariamente attuale e capace di far riflettere. Appartiene alla  raccolta dei “RACCONTI SURREALISTICI E SATIRICI”, scritta negli anni tra il 1935 e il 1945, anni di guerra e di totalitarismi, che si presenta come una sottile satira sociale con sfumature che cedono all’orrido quando non al burlesco tagliente. È la storia di un giovane uomo, il tacchino di Natale, che, presentandosi sotto belle forme, seduce una ragazza per soldi conquistando con i suoi bei modi la fiducia della suocera. 

Questo l’incipit:

“Quando, il giorno di Natale, il commerciante Policarpi-Curcio si sente dire per telefono dalla moglie che rincasasse puntualmente perché c’era il tacchino, si rallegrò molto giacché con gli anni, all’infuori di quello della gola, non gli era rimasta altra passione.”

La meraviglia fu che a casa il nostro Policarpi-Curcio il tacchino non lo trovò sulla tavola imbandita , pronto per il palato,  ma in salotto ,pronto per l’inganno premeditato, che conversava amabilmente con la figlia . 

Il suo abbigliamento era impeccabile e di grande  eleganza : una giacca nera dai risvolti di seta ,un paio di pantaloni a quadretti sale e pepe e un gilè di panno grigio con bottoni di osso. 

A sentir dire la moglie ” il tacchino era nobile, ricco e influente…… aveva aria da gran Signore …… preziosità d’accento, un gran bel “partito”. Quando parlava tirava indietro il capo e gonfiava il petto sotto il gilè e affascinava  con racconti mai uditi di feste, di svaghi, di viaggi , di successi …..era un esperto conoscitore del mondo “. Mamma e figlie ne erano incantate .Solo al Curcio il tacchino non convinceva e pensava che il suo posto era solo nella pentola.Non aveva torto .Il tacchino , difatti, seduce la figlia , fugge con lei all’estero e chiede un riscatto per restituirla  alla famiglia . A sposarla non se ne parlava neppure . Il tacchino aveva già moglie e figlia ed era ridotto al lastrico. 

Il racconto , si comprende bene , è tragicomico così come è facile riconoscere nel tacchino l’immagine tronfia dell’uomo che vuole apparire prestigioso, influente e di notevoli conoscenze ma interiormente indecente  , così sgradevole da disgustare per la sua insidiosa perversità. Parla e vuole attrarre con   il suo bel dire ma può incantare solo gli sciocchi creduloni che si fermano in superficie e che si lasciano ingannare dalle false apparenze . Il tacchino diventa ,invece, per chi sa andare oltre la “fotografia ” la metafora dell’uomo ridicolo, del “paraculo” ,come si dice in gergo studentesco, dell’accattone di “consensi” per farne un uso personale da usa e getta.

Quanti tacchini ai giorni nostri nel privato come in pubblico !!!!! Impettiti e altisonanti vanno solo alla ricerca di ammirazione per la  soddisfazione del proprio ego ipertrofico e per i propri bisogni sfoggiando penne variopinte , destinate , però, a disperdersi  al primo vento. 

Quanti oggi sono in grado di riconoscerli? Quanti riescono a non farsi abbagliare dalle false apparenze e dal bel parlare di qualche altolocato tacchino o gallinaccio? Quanti tacchini finiscono in pentola ? Ne vedo molti in giro e anche a posti di comando . Il problema è frutto di un analfabetismo funzionale o cognitivo?

Intanto il tacchino di Moravia mi mette in guardia e mi porta a riflettere che delle apparenze non si ci può fidare. Cosa banale, qualcuno potrebbe obiettare ……ma non molto banale se consideriamo i numerosi e variopinti tacchini con cui quotidianamente ci confrontiamo  e che passano per gran ” Signori “.

Condividi
Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Ultimi articoli

Conte e Letta siglano l’intesa per la Sicilia

In prima pagina • È morto Ciriaco De Mita, storico leader della Dc, già presidente…

27 Maggio 2022

Phygital nel retail? Amazon Style, la risposta di Bezos

Si parla di phygital per indicare l’uso della tecnologia per costruire un ponte tra mondo…

27 Maggio 2022

Biden: “Quando troveremo il coraggio di opporci alla lobby delle armi?”

Il presidente americano Joe Biden, dopo la strage nella scuola elementare in Texas, ha attaccato…

26 Maggio 2022

Frequenzimetri: ecco gli ambiti professionali in cui sono indispensabili

Il frequenzimetro è un dispositivo molto utile in differenti ambiti professionali, progettato per la misurazione…

25 Maggio 2022

Marketing e Metaverso

Il LinkedIn Top Post di oggi è ancora dedicato al Metaverso ed al suo impatto…

25 Maggio 2022

Il cardinale Matteo Zuppi nuovo presidente dei vescovi italiani

In prima pagina • Il primo treno merci con un carico di grano dall’Ucraina è…

25 Maggio 2022