Il valore delle Associazioni

da Il barone rampante “di Calvino.

Il tempo sospeso, prodotto dal Covid 19, ha generato un tempo inquietante, caratterizzato da un profondo senso di precarietà esistenziale, sociale ed economica.

Quello che si mostra all’orizzonte è un panorama preoccupante, qualcosa che assomiglia ad una vera tragedia umana che coinvolge tutti e da cui nessuno può trovare scampo. In situazioni simili non ci si può salvare da soli, nè come uomini, nè come italiani, nè come europei, ci si salva soltanto attraverso un forte senso di comunanza, di solidarietà, di interconnessione.

In circostanze come queste o si sta insieme o si muore tutti, non sono ammissibili, nè possono ritenersi risolutive forze centrifughe che riportano ad un al di là rispetto a ciò che si vive e si vede e ad un al di là opaco e indecifrabile.

La storia insegna che in momenti difficili come il nostro, la salvezza non sta nelle divisioni, nelle contrapposizioni egoistiche e opportunistiche ma nell’unione di menti, in particolare, di menti LIBERE.

La storia dei “capponi di Renzo”, per esempio, è la storia di chi si procura il macello da solo pur avendo a disposizione una soluzione se non altro fondata sulla compartecipazione ad un destino comune.

L’insegnamento di Calvino ne “Il Barone Rampante”

Calvino, vissuto nell’età dei totalitarismi, della guerra fredda e quindi delle contrapposizioni estreme, individua ne “Il barone rampante” una strada di salvezza possibile. Quella del barone è la storia di Cosimo Piovasco di Rondò, che avendo deciso di vivere sugli alberi per avere una visione più ampia e particolareggiata della realtà, è costretto a difendersi dagli incendi che, oltre a mettere a rischio la propria vita, danneggiano il bosco e l’economia contadina.

“Cosimo per prima cosa pensò di fare incetta di barilotti e li issò pieni d’acqua in cima alle piante più alte e situate in luoghi dominanti […]. Ma non bastava, bisognava organizzare una guardia di spegnitori, squadre che in caso d’allarme sapessero subito disporsi a catena per passarsi di mano in mano secchi d’acqua e frenare l’incendio prima che si fosse propagato. Ne venne fuori una specie di milizia che faceva turni di guardia e ispezioni notturne […]. Capì questo: che le associazioni rendono l’uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s’ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente c’è onesta e brava e capace e per cui vale la pena di volere cose buone (mentre  vivendo per proprio conto capita più spesso il contrario, di vedere l’altra faccia della gente, quella per cui bisogna tener sempre la mani alla guardia della spada)”.

La morale di questa favola antica ma senza tempo è facile: di fronte ad un problema comune che sta a cuore a tutti di risolvere, i propri interessi personali vanno accantonati per la necessità imperativa di tutelare la collettività. Oggi, purtroppo, anziché spegnere gli incendi, si soffia sul fuoco nella speranza di accaparrarsi consensi e potere senza avere alcun progetto di senso compiuto se non quello di garantirsi una “nomination” in prima pagina su qualche nota testata giornalistica allo scopo di “far presa” e di guadagnare visibilità.

E così mentre Mattarella invoca un’unità morale, le Istituzioni mettono in evidenza la loro bieca mediocrità e la loro prevalente attitudine alle beghe personali. Nel frattempo il popolo soffre per la disoccupazione incalzante, per un’economia che langue e a causa di licenziamenti che arrivano numerosi.

E fra tutto questo non manca l’incendiario di turno impegnato a rompere partiti, scassinare parlamenti, a dividere, a frantumare senza avere nessun progetto alternativo se non quello di incenerire tutti per guadagnarsi, poi, il trofeo della vittoria.

In realtà occorrerebbe, invece, un FRONTE COMUNE, un nuovo Cosimo che abbia l’attitudine ad associare la gente, attitudine però di cui non abbia voglia di abusare ma di metterla in opera solo in situazioni di emergenza ed in vista di importanti risultati da conseguire a vantaggio di tutti.

Condividi
Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Ultimi articoli

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021

Dal 15 ottobre il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori

Dal 15 ottobre il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori, pubblici e privati,…

17 Settembre 2021

La linea politica per la terza dose è dubbia

La linea politica per la terza dose è dubbia, mentre aumenta il dissenso. Studi contrapposti aumentano…

16 Settembre 2021