La Barrett entra con giuramento alla corte suprema dopo il voto 52 a 48.

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 27/10/2020

La Barrett e’ stata confermata ieri alla corte suprema, concludendo una rapidissima approvazione dal senato voluta da Trump e spostando a destra la maggioranza dei giudici. Il voto e’ stato di 52 a 48, con i democratici tutti contrari, prima volta in 151 anni che un giudice e’ confermato senza nessun voto da parte del partito di minoranza. 

PRIMA PAGINA

–      I tagli arrivano all’osso mentre l’epidemia attacca le universita’. Mentre il virus risorge in tutto il paese, universita’ grandi e piccole si vedono obbligate a tagli profondi e probabilmente duraturi, non solo di impiegati, ma anche di professori e di  interi programmi, anche in facolta’ popolari come le arti. Persino Harvard, con la sua dotazione di quasi 50 miliardi, ha denunciato un deficit 10 milioni.

–      Trump, Bolsonaro e una regione devastata dal virus. Come una campagna ideologica ha abbassato la capacita’ dell’America Latina di combattere il virus. Dopo una cena in marzo al club Mar-a-Lago, a seguito della quale 22 brasiliani risultarono positivi, Bolsonaro e Trump si dichiararono “per niente preoccupati”del virus. Trump arrivo’ al punto di regalare a Bolsonaro una confezione di hydroxychloroquine come cura infallibile del coronavirus.Altri stati della regione latino-americana si sono fatti influenzare dalla posizione dei due leader principali, e hanno sottovalutato la serieta’ della minaccia, aprendo i loro paesi al contagio. 

–      Non hanno votato nel 2016 e non voteranno quest’anno. Anche se i numeri dei votanti in anticipo sono molto alti, dalle interviste condotte dal NYT anche quest’anno ci saranno molti non-votanti, alcuni per indifferenza-pigrizia, altri, i piu’, perche’ entrambi i candidati non piacciono a sufficienza. I non-votanti sono una caratteristica americana, ma adesso con molti stati sul filo del rasoio la non partecipazione al voto acquista un’importanza negativa che puo’ essere determinante nel risultato finale. 

–      New York City resta indietro nella ripresa. New York, la cui diversificata economia aveva alimentato la crescita del lavoro per anni in modo straordinario, affronta piu’ difficolta’ a riprendersi che ogni altra citta’ del paese. Piu’ di 1 milione di residenti sono disoccupati e la percentuale di disoccupazione e’ piu’ del doppio che i altre citta’. E il turismo, che ha alimentato gran parte della vita di New York (alberghi, ristoranti, teatri, negozi) e’ praticamente a zero, nell’attesa che spostamenti e viaggi ritornino ad essere normalmente accessibili.

–      Disinformazione. Twitter e’ diventato una fonte di notizie dell’ultimo minuto, ma anche un luogo ideale per spargere false informazioni potenzialmente pericolose. Mentre le elezioni si avvicinano, Twitter si attrezza a sfatare le falsita’. 

PAGINE INTERNE

–      Le promesse di Trump sulle fabbriche. La spinta del presidente (prima dell’epidemia) sulla rinascita delle fabbriche non ha sempre portato ai promessi posti di lavoro o investimenti. Nel 2018, per esempio, all’apertura della Foxcom in Wisconsin, Trump dichiaro’ che sarebbe stata l’ottava meraviglia del mondo, con 10 miliardi di investimenti e 13.000 lavoratori. In realta’, gli investimenti furono di 300 milioni e i lavoratori poco piu’ di 500.

–      Rallenta l’energia rinnovabile. Gli imprenditori lottano per finire i progetti cominciati, mentre l’epidemia ha rovinato le catene di costruzione.

–      Fonte di disinformazione.  Un recente rally del presidente  in Wisconsin  e’ stato tipico: in 80 minuti, ha fatto 131 dichiarazioni false o scorrette.

–      Inaspettata acqua lunare. La Nasa ha scoperto che gli astronauti possono non aver bisogno di scavare in pericolosi crateri sulla luna per trovare acqua. 

–      Riabilitazione con incentivi. Un nuovo approccio al trattamento offre  agli addetti alle droghe soldi e premi per rimanere puliti.

–      Punto di crisi per i musei? Gallerie e musei di New York sono al 25% della loro capacita’, con la prospettiva di rimanere tali fino alla fine del 2021.

Condividi
Umberto Bonetti

Umberto Bonetti, nato a Torino nel 1938, laureato in legge e scienze politiche Carriera: RAI di Milano (1962/1967), RAI di Montevideo (Uruguay) (1968/1974), RAI CORPORATION (1974/2000) a New York e Los Angeles. . Dal 2000 in pensione, con vari incarichi di consulenze. Volontariato: Peace Corps in El Salvador, United Nations in Sudan, Unesco in Afghanistan, Unione Europea in Bangladesh. A New York: Metropolitan Museum, Meals on Wheels (distribuzione pasti).

Ultimi articoli

Via larga, vicolo stretto…

Tra le facoltà a disposizione dei sindaci c’è anche quella di intestare le vie a…

19 Settembre 2021

Ma stavolta voto!

Da diversi anni a questa parte entro nella cabina elettorale e scrivo, in grande, “Viva…

18 Settembre 2021

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021