Sfogliando il New York Times

L’economia rischia ferite di lunga data

Cari lettori, mi presento. Sono Umberto Bonetti, ex-direttore della Rai Corporation, vivo a New York da 40 anni. Dal 18/5/2020 vi presento questa rubrica quotidiana per portarvi in giornata le notizie piu’ importanti del New York Times. La preparo nel mio mattino, la potrete leggere dalle vostre ore 18. Vi riporto il titolo dell’articolo (in grassetto) seguito da un breve commento o da una sintesi del pezzo (in corsivo).
Spero che vi interessi e sarei molto grato di vostri commenti.

L’economia rischia ferite di lunga data, dicono i massimi responsabili. Munchin (ministro del tesoro) e Powell (capo della banca centrale) dissentono sulla velocità della ripresa e il bisogno di nuovi aiuti.

In una audizione congiunta al Senato, Munchin e Powell hanno dato un giudizio estremamente negativo sull’ attuale fragilita’ dell’economia, mentre il parlamento e l’amministrazione di Trump si scontrano su come riattivare il commercio e concedere o no nuovi sussidi. Per Munchin, una riapertura rapida degli stati e’ fondamentale per evitare una devastazione economica irreversibile. Per Powell,una solida ripresa potra’ avvenire solo dopo che sia risolta la crisi sanitaria, suggerendo che il parlamento, la Casa Bianca e la banca centrale stessa diano maggiori aiuti agli stati, alle famiglie e al commercio fino alla fine dell’epidemia.La posizione di Trump, forse piu’ preoccupato per le elezioni che per lo stato dell’economia e del virus, e’ incerta. Ma non c’e’ dubbio che una sua spinta in un senso o nell’altro sara’ decisiva. Come sono e sara’ decisivo l’andamento dei numeri delle prossime settimane: numero di disoccupati (adesso intorno a 20 milioni)e dei malati (adesso piu’ di un milione e mezzo, con quasi 100.000 morti).

OGGI IN PRIMA PAGINA

  • Servizio porta a porta. Il Rev. Peter Purpura, pastore nel quartiere Queens di New York City, ha trovato il modo di portare la chiesa ai suoi fedeli: celebra una mini-messa davanti alla porta di casa di ognuno.
  • Amazon vede un aumento degli ordini e delle infezioni. A fine febbraio, momento delle prime infezioni alla sede di Seattle (55.000 dipendenti su un totale di 750.000 sparsi in 12 sedi solo in America), gran parte furono autorizzati a lavorare da casa. Ma dopo, di fronte a uno straordinario aumento di ordini, furono richiamati in servizio con aumento di stipendio.
  • La polvere di talco verrà ritirata dal mercato. La Johnson and Johnson, dopo anni di polemiche e denunce sulla possibilità che quella polvere provocasse il cancro, ha deciso di sospenderne la produzione.
  • Moderando il tono, l’Iran tiene d’occhio le elezioni in America. L’Iran teme che un confronto diretto con gli Stati Uniti potrebbe giovare a Trump nelle elezioni di Novembre.
  • Maschere facciali invece che frisbee: un’universita’ pianifica l’autunno. Meno controlli alle entrate, sentieri a senso unico nei giardini, maschere facciali obbligatorie in classe e alla mensa, un dormitorio trasformato in luogo di quarantena. Queste sono le misure previste dall’Universita’ del Kentuky, non dissimili da quelle che stanno studiando altre università del paese.

NELLE PAGINE INTERNE

  • L’Organizzazione Mondiale della Sanita’ ignora le minacce degli Stati Uniti. Membri dell’organizzazione dalla Cina, Russia e Unione Europea rimproverano, con un tono anche di presa in giro, il Presidente per le sue aspre parole (ha minacciato di uscire dall’organizzazione).
  • Vice-presidente? Conta su di me. Aspirare a quel posto richiedeva una volta una certa apparenza di riluttanza. Non piu’. Gli aspiranti di oggi si auto-promuovono apertamente.
  • Pompeo (ministro degli esteri) rifiuta un’intervista. Il ministro rifiuta di incontrare l’ ispettore generale del ministero (adesso licenziato) e tratta la vendita di armi all’Arabia Saudita.
  • Cambiamento di Myanmar nel traffico di droga. Organizzazioni criminali stanno iniziando a produrre fentanyl, la droga che ha alimentato la crisi degli oppioidi negli Stati Uniti.
  • Quest’esercito di robot provvede alle consegne. In una piccola città a nord di Londra, i robot aiutano nei supermarket.
  • Preparando i tavoli per la sicurezza. In certe parti d’America i ristoranti sono aperti, ma la disposizione delle sale deve rispettare molti limiti.
  • Luis del Sarte, creatore di vibranti affreschi sulla cultura negra, muore a 75 anni. Famoso per aver affrescato i muri di Harlem, rendendo il quartiere molto piu’ allegro.
Condividi
Umberto Bonetti

Umberto Bonetti, nato a Torino nel 1938, laureato in legge e scienze politiche Carriera: RAI di Milano (1962/1967), RAI di Montevideo (Uruguay) (1968/1974), RAI CORPORATION (1974/2000) a New York e Los Angeles. . Dal 2000 in pensione, con vari incarichi di consulenze. Volontariato: Peace Corps in El Salvador, United Nations in Sudan, Unesco in Afghanistan, Unione Europea in Bangladesh. A New York: Metropolitan Museum, Meals on Wheels (distribuzione pasti).

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022