Che poi, detto tra noi...

Lettera alle mie figlie

Ho cuore e testa sempre in contrasto, avessi qualcos’altro per cui essere in conflitto la smetterei coi drammi d’amore.
L’ansia irrazionale e folle che vorrebbe farmi scappare quando inizio a sentirmi insicura.
Il problema è che io mi sento incredibilmente a mio agio a scappare, scapperei per non pensare, penserei di scappare per non soffrire, soffrirei scappando pensando che avrei potuto rischiare.
Non conosco altro modo di vivere che questo.
Mi butto a capofitto con il cuore e poi devo uscirne con la testa.

Mi sono sempre chiesta, come credo ogni genitore, cosa scriverei alle mie figlie in un futuro in cui non ci sarò, quali consigli e raccomandazioni.
Quali sono le cose su cui porre attenzione.

Beh, probabilmente inizierei dicendogli che vorrei fossero donne sempre fiere di ciò che sono, prendetevi cura di voi come un bel giardino, che pioggia, vento e sole renderanno unico e rigoglioso.
Poi gli direi di fare degli errori, tanti errori, perché solo così potranno imparare… Non giudicatevi mai, perché bastano gli altri per questo.
Abbiate coraggio di sognare in grande, anche se vi diranno di restare coi piedi per terra voi volate.

Non spendete tempo ed energie per piacere agli altri… chi vi ama vi ama esattamente così.
E poi gli direi amate, amate con tutte voi stesse, senza riserve, senza paure… e quando troverete il vostro amore, per quanto complicato sia, anche quando sembrerà che tutto stia andando storto non scappate via, ma non dategli neppure la caccia, se è il vostro amore e se sarete pazienti verrà nel vostro giardino e arriverà quando meno ve lo aspettate.

Amate Amate Amate perché amare è vivere, non sprecate il tempo e per sprecare non intendo l’ozio, la noia o la tristezza… NO!!! Dovete anche annoiarvi e trovare il tempo di passare giornate sul divano con birra e patatine odiando il mondo, poi però alzatevi e realizzate i vostri sogni.

Non sprecate tempo accettando cose che non vi piacciono, stando in posti in cui non volete stare solo per far felice qualcun altro rinunciando alla vostra felicità!
Abbiate coraggio, amatevi tanto da vivere la vita che volete!

Alle mie ragazze.❤

Emma e Allegra

Condividi
Mariagrazia Censi

Sono Mariagrazia, ho 46 anni sono nata nel mese più bello dell'anno (E qui lascio decidere voi, perché tanto ognuno avrà il suo) ho due figlie, Allegra ed Emma, due bassotti, Romeo e Ugo e un ex marito. Credo di essere una persona come tante, vorrei una casa al mare, una in montagna, viaggiare almeno una volta al mese, mangiare senza ingrassare ed essere felice, spudoratamente felice. Ma, come la maggior parte di voi, ho una casa sola, faccio qualche viaggetto ogni tanto, quando mangio ingrasso e sono solo felice, per lo "spudoratamente" ci sto lavorando. Ps da oggi scriverò su questo magnifico giornale nella rubrica che mi è stata affidata, ora, secondo me, o sono stanchi e vogliono chiudere di già questa testata giornalistica oppure, forse, ciò che scriverò potrà strapparvi un sorriso o una riflessione, per me è già un successo. Ah dimenticavo il nome della rubrica è "Che poi, detto tra noi..."

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022