L’indice di povertà scende a livello record

L’indice di povertà scende a livello record mentre i sussidi aiutano a controbilanciare le perdite di lavoro. Il successo degli aiuti per la pandemia rafforza la spinta dei democratici per un’espansione. L’Ufficio del Censo ha riportato che il 9,1% degli Americani vivono al di sotto del livello di povertà contro l’11,8% del 2019. Questo dato tiene conto degli aiuti elargiti dal governo per la pandemia, senza i quali il livello di povertà sarebbe all’11,4%, e sicuramente spingerà i democratici a cercare di espandere la rete di sicurezza ben oltre i problemi della pandemia.

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 15/09/2021 (TITOLO+COMMENTO)

PRIMA PAGINA

– I democratici cercano di cambiare la mappa politica di New York. Il partito repubblicano potrebbe perdere 5 posti alla Camera nella redistribuzione degli incarichi. I parlamentari democratici a New York, Albany e  Washington stanno usando il loro potere per tracciare nuovi distretti elettorali  che consentirebbero loro di guadagnare fina a 5 nuovi seggi alla Camera. 

– In California, riconsiderando il processo di dimettere il governatore. In uno stato famoso per i suoi atti di democrazia diretta, come la legalizzazione della mariyuana, i detrattori del processo che permette di revocare il mandato al governatore dicono che si tratta di democrazia andata fuori strada e che è una dannosa perdita di tempo mentre lo stato ha problemi ben più gravi, come gli incendi che devastano parte dello stato e gli ospedali strapieni di pazienti del covid. Faranno di tutto per “revocare la legge di revoca”.

– Per i democratici, una spinta unitaria sul diritto di voto. I Senatori democratici hanno cominciato la battaglia per far passare una legge che si opponga agli sforzi dei repubblicani di limitare l’esercizio del diritto di voto in molti stati fortemente conservatori. Sarà una lotta molto difficile, dove i numeri non sono favorevoli ai democratici, dato che in Senato una legislazione del genere necessita maggioranze speciali.

– Combattendo dalle giungle di Myanmar. Sette mesi dopo il colpo di stato che ha abbattuto il governo legittimo, il terrificante esercito  conosciuto come Tatmadaw sta scalando gli attacchi a poveri villaggi sperduti, lasciandoli devastati, pieni di morti e con gli abitanti in fuga. Si sta organizzando una forma di improvvisa resistenza, autonominatasi Forza in Difesa del Popolo, che si avvale di vecchie armi contrabbandate dall’India. L’esercito usa la stesse tattiche, senza pietà, che usa da anni contro la minoranza musulmana dei Rohingya, tattica definita dagli Stati Uniti “pulizia etnica”.

PAGINE INTERNE 

– Paura di un Trump erratico. Il generale capo dell’esercito ha chiamato segretamente le autorità cinesi preoccupato che l’allora presidente potesse ordinare un attacco alla Cina per rimanere al potere, rivela un nuovo libro.

– La crisi di Rikers mette a prova il sindaco. De Blasio affronta crescenti richieste di occuparsi della violenza, caos e pessime condizioni sanitarie nella più grande prigione di New York. 

– Astronauti “molto ordinari”. La missione “Inspirational4”,  che si propone di lanciare 4 persone nello spazio per 3 giorni, mette in mostra le promesse e i limiti dei voli spaziali privati.

– Cambio nell’investigazione a Haiti. Al facente funzioni Primo Ministro è stato vietato di lasciare il paese finchè non risponde alle domande sull’assassinio del presidente.

– Prendendo posizione contro gli abusi. Prima delle elezioni regionali, gli attivisti in Russia portano in prima linea i problemi della violenza domestica.

– Prendendo di mirai paradisi fiscali. I democratici hanno presentato un piano per far unire gli Stati Uniti al resto del mondo nel rifacimento del sistema globale delle tasse. 

– Portando la spiaggia dentro. “Sun & Sea” (Sole e Mare), un’opera che tratta il cambiamento climatico, sta per aprire a Brooklyn – insieme a 21 tonnellate di sabbia.    

Condividi
Umberto Bonetti

Umberto Bonetti, nato a Torino nel 1938, laureato in legge e scienze politiche Carriera: RAI di Milano (1962/1967), RAI di Montevideo (Uruguay) (1968/1974), RAI CORPORATION (1974/2000) a New York e Los Angeles. . Dal 2000 in pensione, con vari incarichi di consulenze. Volontariato: Peace Corps in El Salvador, United Nations in Sudan, Unesco in Afghanistan, Unione Europea in Bangladesh. A New York: Metropolitan Museum, Meals on Wheels (distribuzione pasti).

Ultimi articoli

Strano periodo questo secolo

Strani questi anni, a cavallo tra il ‘900  che ancora ci appartiene ma che a…

2 Dicembre 2021

Sgominata la nuova Mala del Brenta

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri hanno arrestato 39 persone accusate di voler…

1 Dicembre 2021

Può il Presidente di un organo di rilievo costituzionale svolgere attività operativa del potere esecutivo dello Stato?

È, oramai, pacifico per gli esperti che studiano le ragioni socioeconomiche e politico-culturali alla base…

1 Dicembre 2021

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante Omicron

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante. Un ciclo familiare si ripete. Le…

30 Novembre 2021

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo. Gli scienziati sono preoccupati perché «ha…

30 Novembre 2021

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna,…

30 Novembre 2021