Lettera da Milano

Milano non fa rumore

Risveglio silente, accennato, per non darlo a vedere senza schiamazzi degli alunni e gli studenti per strada, senza ressa e code sui mezzi, la stazione centrale, il cuore della city, ha pochi passeggeri, perfino i vagabondi o i poveri la lasciano sola.

Lunedì di solito inizia la settimana e poi c’era la moda, la fashion week, ma anche Re Giorgio ha sfilato a porte chiuse e con la metà dei compratori. Milano, senza i suoi aperitivi, l’ordinanza impone la chiusura dei bar alle 18 e un’amica mi dice ironicamente e con cadenza milanese: “Ma perché il virus c’ha un orario?” Commercianti preoccupati, ristoranti deserti. Aerei vuoti, treni in ritardo. Teatri che rimandano gli spettacoli scusando il disagio. Nella notte un silenzio surreale, i semafori che lampeggiano staccati, tanto quasi nessuno è in strada, qualche giovane azzarda nella piazza un ritrovo con altri amici, in compenso tante luci di finestre accese nei palazzi.

Mi chiedo, anche io ancora sveglia, cosa passerà nella testa di tanti milanesi e non solo, ai lombardi, ai paesi in quarantena costretti a fermarsi; chi può lavora da casa con lo smart-working – lavoro agile – nuova terminologia balzata nel nostro vocabolario, quanto  #coronavirus.

Qualcuno avrà l’occasione per stare più con la famiglia spesso trascurata. Una mamma che riesce a vedere i suoi bimbi e cucinare tra un file e l’altro il loro piatto preferito. Usare questo tempo obbligato al meglio, come leggere quel libro comprato e mai iniziato, fermarsi con se stessi, sistemare la casa. Il lato positivo delle cose.

Domenica, ho visto assaltare i supermercati, volevo banalmente degli yogurt; scaffali svuotati e nessun disinfettante trovabile, file interminabili alle casse, chi cambiava posto perché di fianco aveva un asiatico, o indossava la mascherina. A proposito, la mascherina, forse l’ultima (era ancora venerdì sera), l’ho trovata dal ferramenta, quella con tanto di valvola e con stupore del negoziante, che ancora non sapeva che cosa stesse per accadere. Aggiornati, quindi, su ciò che prevedevo succedesse, ho consigliato di tenere per se l’ultima mascherina rimasta in negozio, con il sorriso della figlia, che stava pensando a un film di quelli che ci trasmettono ogni tanto: “Il contagio”. Mai usata e penso non succederà, certo è che il vero virus è la crisi economica che può sopraggiungere a una quarantena a oltranza. Il nord e non solo Milano reggono l’economia italiana.

Pensare alle chiese chiuse poi fa ancora più effetto di una trasmissione tv senza pubblico in studio. Per non parlare dell’effetto mascherina inserita nelle storie di Instagram per le riprese Heather Parisi che ci saluta sorridendo da Hong Kong con figli sulle scale mobili dei centri commerciali in perfetto outfit moda con mascherine nere. I Tg che fanno titoli allarmistici, le informazioni contraddittorie, la voce di esperti e medici, che dicono le cose come stanno, ma quasi zittiti perché non fanno sensazionalità! Io non c’ero al tempo della peste del Manzoni, e neanche del Lazzaretto, e loro non avevano internet, li ho studiati sui libri di storia e mi basta!

Milano vive e pulsa lo stesso, non molla e sa che anche questa imprevedibile vicenda passerà, fa più paura l’ignoranza, il razzismo e l’emarginazione o ogni scusa perché ciò accada; ecco questo mi fa paura, chi suona il campanello e si spaccia per sanitario per poi derubare la gente, gli sciacalli mi fanno paura, chi rivende prodotti come Amuchina a 150 euro su internet, o chi urla a turisti del nord che vanno in vacanza al sud, insultandoli. Per non parlare di piani nascosti per creare panico e destabilizzare l’umanità, anche questo fa paura.

Lo scrittore americano Dean Koontz, nel suo romanzo The Eyes of Darkeness, pubblicato nel 1981, prevede un virus nel 2020. Curioso il nome del virus “ Wuhan 400”, creato come arma in un laboratorio militare, dove? A Wuhan!  Ecco, questo se ci penso può far paura, ma so anche che esiste un destino e che noi siamo in grado di modificarlo creando gli anticorpi in tutti i sensi. Nessun panico quindi tutto passerà, sperare e crederci, ne sono certa, Milano, il nord, palpita e vive aspettando che passi il virus e anche io!

Condividi
Marina Perzy

Nasco a Milano ma Roma è la mia seconda città adottiva. Il mio grande amore resta la recitazione… ma è il talento per la conduzione che ho più sperimentato e mi ha fatto conoscere, sia tv che radio. Cresciuta con la scuola dei Grandi conduttori, attori, autori, registi. Amo scrivere, ho due libri in attivo e collaborazioni come giornalista con i principali media Tv e network radio. Ho portato format innovativi e intrattenimento ad un pubblico multi-canale, trasversale. Professionalmente inizio nel ’79 con un provino Rai negli studi Fiera 1 di Milano con Pippo Baudo che cercava comici per il suo sabato sera Secondo Voi. Tanti i talenti che spiccarono il volo da quel provino! Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e altri. Io vengo scelta per condurre, insieme al mitico Corrado, Domenica In. Per molti anni la Rai è la mia ‘casa’ lavorativa. L’esordio è con Enzo Tortora in Portobello ma è con Corrado che farò i programmi della Rai più importanti di quel periodo: Domenica In, Fantastico 3 con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero; Gran Canal è lo show serale che mi vede nel ruolo di attrice in una compagnia teatrale insieme a Tullio Solenghi e Anna Mazzamauro in diretta tv. Ho condotto il primo FestivalBar di Canale 5 con Claudio Cecchetto, in altre edizioni parteciperò anche come cantante. Negli anni alterno la conduzione al Teatro e tanti programmi Rai fra i quali la celebre Domenica Sportiva, ma anche Uno Mattina, Italia & Estero, Detto tra noi, fino al più recente Trattative Riservate in onda per più stagioni sulla piattaforma Sky per Leonardo. La mia prerogativa è sperimentare nuovi format, mettermi in gioco, perchè amo sentirmi viva. Credo ed ho coscienza dei miei limiti ma so di aver sempre fatto buona televisione e radio, fiction, spettacoli, intrattenimento. Continuerò con l’ecletticità che mi contraddistingue a cercare sempre forme d’arte e di comunicazione che diano sfogo alla mia creatività, curiosità, che mi accompagnano da sempre insieme alla grande passione per il lavoro che ho da tutta una vita.

Ultimi articoli

Conte e Letta siglano l’intesa per la Sicilia

In prima pagina • È morto Ciriaco De Mita, storico leader della Dc, già presidente…

27 Maggio 2022

Phygital nel retail? Amazon Style, la risposta di Bezos

Si parla di phygital per indicare l’uso della tecnologia per costruire un ponte tra mondo…

27 Maggio 2022

Biden: “Quando troveremo il coraggio di opporci alla lobby delle armi?”

Il presidente americano Joe Biden, dopo la strage nella scuola elementare in Texas, ha attaccato…

26 Maggio 2022

Frequenzimetri: ecco gli ambiti professionali in cui sono indispensabili

Il frequenzimetro è un dispositivo molto utile in differenti ambiti professionali, progettato per la misurazione…

25 Maggio 2022

Marketing e Metaverso

Il LinkedIn Top Post di oggi è ancora dedicato al Metaverso ed al suo impatto…

25 Maggio 2022

Il cardinale Matteo Zuppi nuovo presidente dei vescovi italiani

In prima pagina • Il primo treno merci con un carico di grano dall’Ucraina è…

25 Maggio 2022