La pecora nera

Milano: Ristorante Vun

Merita il massimo dei voti il ristorante di Andrea Aprea, chef talentuoso di Vun, due stelle Michelin dal 2018, ospitato dal Park Hyatt Milano, a due passi dalla bellissima Galleria Vittorio Emanuele e dal Duomo. Tecnica e innovazione sono alla base della sua cucina, che parte dalla tradizione (soprattutto campana, sua terra di origine) per trasformarsi in piatti ricercati e molto originali, pronti a stupire prima gli occhi e poi il palato. È questo il caso della caprese, piatto simbolo dello chef, dove una sfera sottilissima di zucchero bianco racchiude una spuma di mozzarella di bufala, adagiata su del pomodoro e su della crema di basilico, con un pezzetto di acciuga a stemperare la dolcezza dell’insieme.

Eccellente anche il risotto con limone, rosmarino, capperi croccanti e due mini tartare di gambero rosso, perfettamente mantecato ed equilibrato nei sapori. Ottimi sono stati anche i diversi appetizer gentilmente offerti e serviti a inizio pasto, come “l’aperitivo all’italiana” (spritz, patatine e olive) qui trasformato in una sfera croccante ripiena di spritz, un fagottino di patata e una tartelletta con crema di olive che sembrava un delizioso cioccolatino; particolare anche lo sgombro in agrodolce con crema di melanzane e menta, il tutto servito con del buon pane fatto in casa e con dei grissini e sfogliette al pepe, accompagnati da una ciotolina di ottimo olio siciliano versato al tavolo direttamente dalla bottiglia a norma.

Milano: Ristorante Vun

Scenografico il pre-dessert: un cestino di limoni della Costiera Amalfitana sui quali viene versato dell’azoto liquido che sprigiona l’essenza agrumata che andremo a ritrovare nel sorbetto e nella crema al limone.

In chiusura uno squisito dolce-salato chiamato Orzo, dove la crema fatta con il cereale viene adagiata su una frolla e su uno strato sottilissimo di crema di banane, e sulla cui sommità ci sono due piccoli cilindri di banana caramellata e capperi croccanti e a fianco un gelato ai capperi su del crumble dolce.

Da applauso anche la piccola pasticceria, in particolar modo per la tartelletta con crema di violetta, dal sapore intenso e persistente. La carta prevede due menù degustazione, Percorsi Partenopei a 145 euro e Viaggiando da Nord a Sud a 165 euro, mentre chi vuole scegliere à la carte ha due opzioni che prevedono 3 portate a scelta a 115 euro e 4 portate a 145 euro.

Ben strutturata la carta dei vini che contempla nomi importanti dell’enologia italiana e internazionale con ricarichi che, ovviamente, tendono verso l’alto, così come la proposta alla mescita, ben scritta ma con rincari che inducono a scegliere più una bottiglia che un calice.

Milano: Ristorante Vun

Vun: ambiente

Il locale, posizionato al pian terreno dell’albergo e con un’entrata indipendente su Via Silvio Pellico è elegante e minimalista, con tavoli ben distanziati e con una bella mise en place e degli stupendi anthurium rossi a dare quel tocco in più.

Servizio: Professionale e cortese, pronto a spiegazioni e consigli.

Voto 5/5

Vun, Via Silvio Pellico, 3 – Milano. Telefono 02/88211350

Recensione tratta da La Pecora nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

12 idee per creare Instagram Stories

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Francesco La Starza e devia un po'…

11 Agosto 2022

Meloni: “consegnato il fascismo alla storia”

"La destra italiana ha consegnato il fascismo alla storia da decenni ormai, condannando senza ambiguità…

11 Agosto 2022

Domandare è lecito, non rispondere invenduto

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Antonella Brogi e ci invita a riflettere…

10 Agosto 2022

Elezioni: Calenda – Renzi accordo in vista

Accordo sempre più vicino tra Calenda e Renzi. Ieri i due si sono sentiti ripetutamente,…

10 Agosto 2022

Voto giovanile? Poco più di un terzo del corpo elettorale… Bisogna andare a votare!

Si parla tanto di voto giovanile, ma poche sono le proposte che li riguardano, perchè?…

9 Agosto 2022

La frase subdola: “E’ contro il mio/nostro interesse ma…”

L'ho pronunciata anch'io in alcune situazioni ma quando me la sono sentita dire ho capito…

9 Agosto 2022