Nella scelta del vino uomini modaioli e donne fedeli

L’8 marzo Signorvino vuole celebrare le donne del vino: lavoratrici e produttrici, comunicatrici ed addette alla vendita ma anche le consumatrici. Anche l’Osservatorio Signorvino nel mese di marzo è stato dedicato proprio all’analisi delle preferenze delle donne in riferimento al consumo di vino, monitorando i 18 punti vendita della catena in tutta Italia. Un dato interessante riguarda la partecipazione ai corsi svolti dalla catena: se le lezioni propedeutiche hanno una eguale ripartizione fra uomini (51%) e donne (49%), gli approfondimenti delle lezioni più avanzate vengono approcciate con maggior interesse dalle donne (58%) che si confermano attente e desiderose di imparare in maniera più profonda. In merito agli acquisti di vino, l’esame è stato svolto sul programma loyalty Signorvino che conta ormai quasi 20.000 iscritti divisi 36% donne e 64% uomini, registrando un’età media lievemente più giovane per le prime (40 anni contro i 43 degli uomini).

unsplash.com

Le donne acquistano meno però mostrano un grado di fidelizzazione maggiore, tornando il 7% delle volte in più degli uomini negli store, propensi piuttosto ad acquisti sporadici e massivi. Pongono una grande attenzione al packaging e non lasciano al caso nessun dettaglio: compongono le proprie confezioni con cura, prediligono le cassette in legno per una presentazione impeccabile.

Nell’ultimo anno livello di prodotto si è potuto riscontrare che, se l’uomo concentra i suoi acquisti sulla ricerca della denominazione o di grandi vini, la donna predilige il brand e si lascia consigliare dai professionisti del settore. Nelle posizioni di responsabilità della catena a livello di negozio sono le donne (70%) a guidare il coordinamento, nonostante il personale veda una loro presenza contenuta (36% donne – 64% uomini). Il trend di assunzioni proiettato per il 2020 vedrà un aumento del +57% delle assunzioni femminili.

Condividi
Teatro Naturale

“Teatro Naturale” è un magazine settimanale online dedicato al mondo rurale. Presente in rete dal 2003 e nato per dar voce a chi – come chi vive in e di agricoltura – non è adeguatamente rappresentato dagli attuali mezzi di informazione, è diventato nel tempo il punto di riferimento per quanti non solo vogliono essere informati puntualmente sull’attualità agricola, alimentare e ambientale, ma che non disdegnano un invito alla riflessione e alla rinascita di un pensiero rurale libero, scevro da appartenenze e ideologie. Di quanti credono che il mondo rurale non solo debba tutelarsi e proteggersi, ma anche evolversi e che la qualità dei prodotti possa passare attraverso la qualità delle persone. Moondo grazie alla collaborazione con Teatro Naturale ripropone alcuni degli articoli più interessanti pubblicati settimanalmente.

Ultimi articoli

Salvini attacca la Meloni

Il Foglio è venuto in possesso di un audio in cui Salvini attacca la Meloni…

22 Ottobre 2021

Il governo studia il piano per vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni

Il governo dettaglia il piano per vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni. Aspettando l'autorizzazione,…

21 Ottobre 2021

No a tutto

Ci interroghiamo attoniti di fronte ad un fenomeno che appare inedito. Ma non è così.La…

21 Ottobre 2021

Draghi ha dettato la linea su vaccini, transizione ecologica e digitale

Draghi, prima di partire per il Consiglio europeo, ha tenuto il consueto discorso a Camera…

21 Ottobre 2021

I lavoratori non hanno fretta di tornare al lavoro

Guadagni economici zoppicanti mentre il mercato del lavoro si restringe. I lavoratori non hanno fretta…

20 Ottobre 2021

Consiglio dei ministri approva all’unanimità il Documento Programmatico di Bilancio

Il Consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il Documento Programmatico di Bilancio, ma la Lega…

20 Ottobre 2021