In evidenza

Olimpiadi 2024: M5S e Raggi dissero NO! E non se ne vergognano…

Le meraviglie del mondo sono quasi sempre dovute alla natura.
Tra le poche che traggono spunto unicamente dalla fantasia dell’uomo ci sono le Olimpiadi.

I nostri progenitori, non ancora sazi delle fatiche per sopravvivere, si sono in ogni epoca inventati esercizi -a volte strampalati- per mettersi alla prova e sfidare gli altri.
È un godimento che dura settimane e che affianca – in omaggio alla arcaica Grecia ispiratrice- discipline sempiterne (maratona, tiro con l’arco, giavellotto) a nuove pratiche che prendono spunto dai più recenti modi di divertirsi dei giovani (windsurf, skateboard).

Quasi mai i giochi olimpici sono filati via regolarmente tra reciproci boicottaggi
USA/URSS e stragi di terroristi.
Ma come quest’anno mai: palazzetti e stadi vuoti, mascherine, isolamento degli atleti.
Eppure, nonostante questo clima, ho avuto l’impressione che i Giochi abbiano rappresentato per i popoli del pianeta la “riapertura” ufficiale.
Come se ci avessero comunicato una “ragionevole” sicurezza nell’arrivo della normalità.

Ci volevano donne e uomini per nulla normali, straordinari mostri di tecnica e potenza per farci dimenticare le ansie che ci accompagnano da un’anno e mezzo.
Ho persino notato -forse mi faccio prendere la mano- una rilassatezza gioiosa nella cerimonia di chiusura che è completamente mancata in quella di apertura, imbarazzata e minimalista.

È seguendo proprio le coreografie della festa di chiusura che mi sono chiesto come sarebbe stato l’umore degli italiani se già elettrizzati dal record di medaglie -che in alcuni casi ci collocano in cima al mondo- avessero assistito alla consegna dei giochi a Roma 2024.

Le immagini promozionali di Parigi sono state perfette in sè e anche nel farci intristire.
Io -che ho delle deformazioni- ho subito pensato a che occasione ha perso il sindaco di Roma Raggi, in piena campagna elettorale, a non essere al posto della sua collega francese.
Lei che caparbiamente ha rifiutato, contro tutto e tutti, l’ospitalità e quindi la candidatura.

Per onestà intellettuale, non è dimostrato che avremmo vinto la sfida con i francesi; tuttavia le istituzioni italiane coinvolte si dichiaravano sicure che ce l’avremmo fatta.
Spesso ragioniamo con il senno di poi. Un’arma vincente perché -conoscendo ormai il finale- ci mette sempre dalla parte della ragione.

Proviamo. Per un verso ci è andata bene perché il Covid (azzerando due anni decisivi nella ristrutturazione di impianti e stadi) ha reso l’organizzazione delle Olimpiadi ancora più ardua, sicuramente più costosa.
Per di più, seppur nascosta, rimane comunque una incertezza sanitaria. Ma -a parer mio- nel ‘24 o siamo tutti morti o siamo guariti.

D’altro verso pensate che volano turistico, economico, ma anche emotivo, avrebbero rappresentato i giochi per il nostro Paese, dopo che il mondo intero si è inchinato prima di fronte al nostro lutto e poi alla nostra reazione.

Il promo di Parigi era bello ma le immagini dei nostri 100 metri, salto in alto e staffetta (e qualche gol degli Europei) sarebbero stati imbattibili.

Condividi
Gianluca Veronesi

Nato ad Alessandria nel 1950, si laurea in Scienze Politiche, è Consigliere comunale ad Alessandria per tre legislature, Assessore alla cultura ed al teatro, poi Sindaco della città. Dirigente Rai dal 1988 al 2018, anni in cui ricopre vari incarichi:Assistente del Presidente della RAI, Direttore delle Pubbliche relazioni, Presidente di Serra Creativa, Amministratore delegato di Rai Sat. E' stato consigliere dell’istituto dell’autodisciplina Pubblicitaria e del Teatro Regionale Alessandrino.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022