La pecora nera

Torino: Amici Miei, ristorante, pizzeria

È diventato maggiorenne questo ristorante/pizzeria storico del centro città, situato su Corso Vittorio Emanuele II, nei pressi della GAM, che ha sempre fatto del rapporto con artisti contemporanei uno dei suoi punti di forza, insieme all’offerta della pizza partenopea tradizionale. Il ristorante vanta un ampio menù con piatti di carne e di pesce, preparazioni tipiche come le pizzottelle napoletane, gli arancini e lo gnocco fritto, e un’ampia selezione di dolci prodotti dell’omonima pasticceria di Corso Vinzaglio. Presa d’assalto all’ora di pranzo da lavoratori e turisti in zona ha un’offerta più semplice ed economica rispetto alla cena, pur sempre ricca di proposte che vanno dal mono piatto, al menù light o veg, al menù pizza (anche senza glutine), focacce, sfizi, insalate.

Per il nostro pranzo abbiamo optato per una pizza ai funghi, accompagnata da una bevanda e un caffè per completare il menù. Pizza d’ispirazione napoletana, col classico “cornicione” soffice e piuttosto sottile al centro, la cui consistenza, però, tende a diventare piuttosto gommosa col raffreddarsi del piatto. Discreto il condimento a base di salsa di pomodoro, mozzarella e champignon. Invitante proposta di dolci tradizionali napoletani e siciliani in bella vista all’ingresso e la selezione di gelati e sorbetti artigianali.

Torino: Amici Miei, ristorante, pizzeria

Amici Miei: ambiente

Sale ampie disposte su due piani e dehor sotto i portici di Corso Vittorio, ben riparato da un lungo paravento di canne che protegge dalla vista del traffico. L’interno è curato, quasi asettico, dall’arredo sui toni chiari e pareti color porpora, con alcune opere di artisti contemporanei. I molti tavoli ravvicinati e l’assenza di finestre, lo rendono poco arioso.

Servizio: Staff numeroso, giovane e affaccendato a districarsi tra le richieste della clientela e il saliscendi tra i due piani. Gentile e sorridente nonostante l’affollamento.

Voto 2,5/5

Amici Miei, Corso Vittorio Emanuele II, 94 – Torino. Telefono 011/5069961

Recensione tratta da La Pecora Nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Nel 2100 in Italia 6 mesi di caldo torrido, a Milano temperature come in Texas

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Gianluca Schinaia, giornalista ed esperto di ambiente…

18 Agosto 2022

E’ morto Niccolò Ghedini, legale ed amico di Berlusconi

E' morto Niccolò Ghedini, storico avvocato ed amico personale di Silvio Berlusconi, all'Ospedale San Raffaele…

18 Agosto 2022

Pay to Pod

E così si scopre l'acqua calda: in alcuni podcast gli intervistati... pagano per essere lì. Sui media…

17 Agosto 2022

Parlamentarie 5 Stelle: superati i 50.000 votanti

Poco meno della metà degli aventi diritto hanno votato alle "parlamentarie" organizzate dal Movimento 5…

17 Agosto 2022

Chiuse le liste PD: il partito rischia l’implosione

La chiusura delle liste Dem in vista delle prossime elezioni del 25 settembre rischia di…

16 Agosto 2022

Nasce il terzo polo Calenda – Renzi

Alla fine l'accordo tra Calenda e Renzi si è fatto, nasce il terzo polo. "Nasce…

12 Agosto 2022