Torino: Bstr8, ristorante Cocktail bar

Vicino alla Gran Madre di Torino, accanto al famoso cocktail bar BarzOtto, con cui condivide la gestione, si incontra la nuova bottiglieria con cucina nata all’inizio della primavera 2018 con l’intento di accostare a vini selezionati piatti con tocchi interessanti e originali. Strizza l’occhio alla concezione spagnola delle tapas la presenza di antipasti in versione ridotta chiamate galuperie (in piemontese significa leccornie), che permettono al cliente di poter assaporare più gusti durante una cena, o anche di fermarsi solo per un semplice aperitivo.

Tra quelle presenti, abbiamo provato l’insalata russa al lime, dal sapore fresco e non appesantita dalla salsa che risulta leggera e non invadente, i gamberi marinati al lime con guacamole accompagnato da chips croccanti di manioca, in cui si può cogliere la buona qualità delle materie prime, sebbene la salsa a base di avocado risulti un po’ priva di carattere, e infine la parmigiana in vasocottura, che si è rivelata un piacevole concentrato di sapori mediterranei. Tra i secondi abbiamo optato per il polpo al tè con crema di patate, dalla consistenza morbida e con una nota apprezzabile di tè data da un’aria ottenuta con il sifone, non solo scenica ma anche apprezzabile a livello gustativo. In chiusura una cheescake scomposta al ribes nero con frolla al rosmarino che ha ci ha convinti pienamente offrendo sfumature diverse ad ogni boccone.

Torino: Bstr8, ristorante Cocktail bar

Bstr8: ambiente

Il locale è semplice e moderno, si cena circondati da bottiglie di vino che ricoprono tutte le pareti della sala alternate a super-alcolici di etichette rinomate. La mise en place è essenziale e adatta al concetto di enoteca con cucina e la presentazione delle portate risulta raffinata e attenta.

Servizio: Lo staff è giovane e cortese, sorridente e disponibile, la scelta di vini al calice è buona, ma la pecca più grave, considerato che il locale è principalmente un’enoteca, è che il vino viene portato già versato nel bicchiere senza la possibilità di assaggiarlo e senza poterne vedere l’etichetta.

Voto 3,5/5

Bstr8, Corso Moncalieri, 5/b – Torino. Telefono 011/8193378

Recensione tratta da La Pecora Nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Il governo ha approvato un nuovo decreto sulle riaperture

Il governo ha approvato un nuovo decreto sulle riaperture. Da domani il coprifuoco viene spostato…

18 Maggio 2021

Lettera immaginaria di un bambino palestinese

Cara Europa caro Mondo caro Onu ma soprattutto cari bambini, sono un bambino palestinese, sono…

18 Maggio 2021

Il giorno con più morti a Gaza mentre falliscono gli sforzi per un cessate il fuoco

Il giorno con più morti a Gaza mentre falliscono gli sforzi per un cessate il…

17 Maggio 2021

COVID-‘19 (anzi ‘21): Si è detto tutto? Si è detto troppo!

È passato anche il 1° maggio, festa del lavoro che anche quest’anno non c’è, aspettando…

17 Maggio 2021

“Piacere, io sono Giorgia”: le radici, le idee di Giorgia Meloni

Stavo leggendo il libro di Giorgia Meloni “Io sono Giorgia”, edito da Rizzoli, quando la…

17 Maggio 2021

Stella…

Seduta sulla sabbia, jeans, le mie inseparabili scarpe da ginnastica, canotta bianca, ancora non fa…

17 Maggio 2021