Torino: Pasticceria Pfatisch – Bar, pasticceria

Storica pasticceria torinese fondata nel 1915 e trasferitasi sotto i portici di Via Sacchi nel 1921. Entrandovi oggi si ha la sensazione che il tempo si sia fermato proprio a quella data, grazie alla sala ampia e agli arredi d’epoca, ai soffitti altissimi in stile Decò, alle specchiere e ai due grossi lampadari in vetro.

Sulla destra si trova tutta l’esposizione del cioccolato per cui la pasticceria è rinomata, dalle tavolette alle creme, dai cioccolatini ai gianduiotti, tutti in bella mostra sul banco in marmo e negli scaffali. Proseguendo si incontra la vetrina con la pasticceria e il bancone caffetteria con un tavolo grande conviviale in legno, pochi tavolini singoli e uno scaffale con tanti libri storici sul cioccolato da sfogliare.

Cioccolato che è una delle specialità della casa: disponibile in diversi formati e consistenze, infatti, per la nostra merenda lo abbiamo assaggiato sotto forma di bevanda calda nello speciale bicerin della pasticceria che qui viene chiamato “Gianduiotto Espresso Pfatish”, dove l’incontro della cioccolata gianduja con il caffè delicato e la spuma di latte e cacao crea un connubio eccellente.

Pfatish, però, è nota ai torinesi anche per le sue torte che sono opere d’arte dolciaria: tra queste abbiamo scelto il “festivo”, un dolce composto da due dischi di meringa al cacao farciti di crema Chantilly al cioccolato, ricoperti da granella di cioccolato e decorati con ciuffi di cioccolato, una vera delizia per i golosi.

Torino: Pasticceria Pfatisch – Bar, pasticceria

Pasticceria Pfatisch: ambiente

Il locale è ampio e luminoso, come intuibile dalle tante vetrate che saltano all’occhio già dall’esterno, in cui trovano spazio le numerose creazioni a base di cioccolato. All’interno è una bottega d’altri tempi, raffinata ed elegante che ha mantenuto intatti gli arredi del passato, tra legno, marmi e cristalli.

Servizio: Cortese e disponibile a spiegazioni e suggerimenti.

Voto 4/5

Pasticceria Pfatisch, Via Sacchi, 42 – Torino. Telefono 011/5683962

Recensione tratta da La Pecora Nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Georges Perec cruciverbista, anzi, enigmista

Lo scrittore francese Georges Perec fu un abile e prolifico autore, non soltanto di romanzi;…

31 Luglio 2021

Approvato all’unanimità la riforma della Giustizia

Dopo un lungo pomeriggio di trattative, il Consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità la riforma…

30 Luglio 2021

Ultimatum ai partiti sulla riforma della giustizia

Draghi ha lanciato un ultimatum ai partiti sulla riforma della giustizia: «Da questo momento in…

29 Luglio 2021

Onorabilità e Onore

Quando, agli inizi degli anni ’90 del secolo scorso, venne aperta e legittimata la caccia…

29 Luglio 2021

Ultima gara di Federica pellegrini

Mentre in Italia era notte, Federica Pellegrini ha gareggiato per l’ultima volta nei 200 metri…

28 Luglio 2021

Democrazia partitica

In Italia la politica si occupa di tutto, si intrufola in ogni ambito. Si può…

27 Luglio 2021