Network

Tre T per combattere la pandemia

La strategia per combattere efficacemente un’epidemia è stata sintetizzata nella “formula delle tre T”: Testare, Tracciare, Trattare. Significa che bisogna individuare, attraverso i test, il maggior numero di contagiati possibile, individuare le persone con cui sono entrati in contatto per verificare tempestivamente se sono state anche esse contagiate (tracciare) e  curare coloro che risultano malati e isolare tutti i contagiati in modo che non diffondano ulteriormente l’epidemia (trattare). Questa è la strada seguita da grandi paesi organizzati come la Germania e la Corea che ha consentito di contenere il numero dei decessi senza determinare costi economici e sociali esorbitanti.

La condizione necessaria per praticare questa strategia è la creazione di una consistente capacità di effettuare e processare i cosiddetti “tamponi”, cioè i test maggiormente affidabili per il riconoscimento della presenza del contagio. Non è una cosa semplice ma non è nemmeno impossibile: serve una presenza territoriale per individuare le persone e testarle, laboratori per analizzare i tamponi e reagenti per alimentarli.

I dati che la protezione civile rende pubblici consentono di sapere quanti tamponi vengono processati e dove. Come evidenziato dal grafico  il numero di tamponi effettuati settimanalmente in Italia è cresciuto con lentezza e questa crescita si è arrestata nell’ultima settimana a quota 400.000. Inoltre, poiché una quota crescente di tamponi deve essere destinata al controllo delle persone già individuate come positive,  il numero degli individui testati per la prima volta (che è la variabile fondamentale) si è addirittura ridotto  scendendo dai 275.329 della settimana 20-26 aprile ai 246.272 di quella appena conclusa. Vi sono poi enormi differenze territoriali nella distribuzione dei tamponi effettuati sia che li si consideri in rapporto alla popolazione sia che li si consideri in rapporto al numero dei casi positivi rilevati.

Queste due caratteristiche, la lentezza della crescita e la distribuzione territoriale differenziata, derivano dal fatto che le autorità sanitarie nazionali non hanno mai fatto della crescita della capacità di effettuare tamponi una priorità, affidandone la gestione esclusivamente alle regioni: alcune di esse, come il Veneto, si sono impegnate in tal senso ottenendo significativi risultati in termini di riduzione del contagio e dei decessi, altre non lo hanno fatto. A livello nazionale si è preferito puntare tutto sulle strategie di limitazione della mobilità (e quindi dei contatti) le quali hanno dimostrato di incidere molto lentamente sulla diffusione del contagio e di avere costi sociali ed economici elevatissimi.

Oggi, nel momento in cui si sta procedendo ad attuare una graduale riapertura delle attività, la necessità di mettere in grado tutti  i territori di gestire una strategia delle tre T in modo efficace dovrebbe essere avvertita come ancora più urgente e prioritaria.

Eppure non sembra che sia così.

Condividi
Daniele Fichera

Daniele Fichera. Ricercatore socioeconomico indipendente. Nato a Roma nel 1961 e laureato in Scienze Statistiche ed Economiche alla Sapienza dove è stato allievo di Paolo Sylos Labini, ha lavorato al centro studi dell’Eni, è stato a lungo direttore di ricerca al Censis di Giuseppe De Rita e dirigente d’azienda e business development manager presso grandi aziende di produzione e logistica italiane e internazionali. E’ stato inoltre assessore al Comune di Roma dal 1989 al 1993 e Consigliere regionale del Lazio dal 2005 al 2010 (assessore dal 2008 al 2010) e dal 2015 al 2018. Attualmente consulente per l’analisi dei dati e l’urban innovation per diverse società e centri di ricerca.

Ultimi articoli

Lula e Bolsonaro vanno al ballottaggio

In Brasile Lula e Bolsonaro andranno al ballottaggio. Al primo turno l’ex presidente si è…

3 Ottobre 2022

La Germania si fa un tetto al prezzo del gas per conto suo, Draghi furibondo, l’Europa a pezzi

Il cancelliere tedesco Scholz annuncia un maxi-intervento da 200 miliardi in Germania per affrontare il…

30 Settembre 2022

Satispay diventa un Unicorno!

Il LinkedIn Top Post di oggi 29/09/2022 è di Ivano Asaro e ci fa davvero…

29 Settembre 2022

Scintille Salvini-Meloni

La Meloni ha visto Salvini, che continua a chiedere il ministero dell’Interno. Avanza l’ipotesi di…

29 Settembre 2022

Recovery Fund: 21 miliardi di euro per l’Italia

La Commissione europea ha dato il via libera alla seconda rata del Recovery Fund da…

28 Settembre 2022

La Meloni ha vinto, Pd sotto il 20%, crolla la Lega, Calenda non sfonda

La Meloni ha ottenuto una vittoria storica. Il Pd è sotto il 20%. Crolla la…

26 Settembre 2022