Anteprima News

Trump attacco con gli hacker all’Iran, poi propone accordo

Donald Trump ha sferrato un cyber attacco all’Iran. Ha colpito il gruppo di intelligence che i servizi segreti Usa credono sia dietro all’attacco alle petroliere nel Golfo dell’Oman.

Stando ai media internazionali, gli hacker hanno disabilitato i sistemi informatici che controllano i lanciamissili dei pasdaran. L’entità dei danni, dicono gli esperti, non è ancora calcolabile.

Gli attacchi sono stati compiuti giovedì, dopo che il presidente aveva fermato i raid aerei per evitare l’uccisione di 150 persone, in risposta all’abbattimento del drone. Il Post: «Gli Stati Uniti sono ora preoccupati che l’Iran possa rispondere lanciando propri attacchi informatici contro i sistemi statunitensi, una cosa già successa in passato. Christopher Krebs, direttore del dipartimento per la Sicurezza informatica e delle infrastrutture statunitensi (Cisa), ha detto che generalmente le intrusioni dell’Iran nei sistemi americani non si limitano a sottrarre dati e denaro, ma cercano anche di cancellare blocchi di informazioni e danneggiare l’intero sistema».

Intanto sabato Trump ha promesso per oggi nuove sanzioni all’Iran con toni molto duri, salvo poi spiazzare tutti aprendo a un nuovo accordo sul nucleare al grido di «Let’s make Iran great again». Trump ha detto che se gli ayatollah rinunceranno al nucleare, l’Iran potrà tornare a essere una grande Nazione: «Non avranno mai la bomba atomica, e quando saranno d’accordo su questo io diventerò il loro migliore amico».


Ieri in parlamento i deputati iraniani hanno intonato il canto Morte all’America. Spiega il vicepresidente del parlamento Masoud Pezeshkian: «L’America è il vero terrorista che diffonde il caos, fornisce armi avanzate ai gruppi terroristici e ancora dice “venite, negoziamo”». 

Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022