Una stretta di mano memorabile (storie vecchie e nuove sotto le stelle che ci osservano incredule)

Questa volta il mio pensiero corre al 9 Novembre 1989, al prossimo Natale ma soprattutto a tutti coloro (sempre di meno, purtroppo) che sognano un mondo senza frontiere, un mondo di fratellanza come il fascino della grotta di Betlemme insegna.

L ‘episodio a cui voglio far riferimento risale al 1975; il 15 luglio di quell’anno la Soyuz 19 lascia il cosmodromo di Baikonur con a bordo Aleksei Leonov e Valeri Kubasov seguita a 7 ore di distanza dall’Apollo, lanciata dalla base di Cape Kennedy con gli astronauti Thomas Stafford, Deke Slayton e Vance Brand. Quarantotto ore più tardi, esattamente alle 17:19, ora italiana, lo speciale modulo di aggancio messo a punto dai due enti spaziali mette in collegamento le due navicelle in orbita sopra l’Europa continentale. Poco dopo Stafford e Lenov, quasi increduli, si scambiano una vigorosa stretta di mano. Per 44 ore due navicelle di progettazione completamente diversa rimasero agganciate in orbita senza pericolo per gli equipaggi.

A chi, come me, poté assistere a questo straordinario avvenimento che andava aldilà del traguardo scientifico sembrò che quasi trent’anni di guerra fredda fossero stati seppelliti in un istante. Nella calma infinita della realtà siderale ciò che sembrava impossibile si era realizzato. Miracolo del cielo?

Una stretta di mano memorabile (storie vecchie e nuove sotto le stelle che ci osservano incredule) (pixabay.com)

Una stretta di mano memorabile
(storie vecchie e nuove sotto le stelle che ci osservano incredule)

Il muro di Berlino, quel muro della vergogna, simbolo di odi e di divisioni laceranti sarebbe caduto circa 15 anni dopo. Ora fa parte di una storia passata ma ancora umida di dolore e di sangue, eppure l’uomo non sembra aver raccolto la lezione del passato. Altri muri anche invisibili e non meno difficili da abbattere sono stati alzati: sono i muri dell’egoismo, dell’intolleranza, del pregiudizio, dell’indifferenza verso l’umiliante condizione del bisogno che chiede una stretta di mano, solo una debole stretta di mano nella logora e triste quotidianità di chi, indifferente, non ha più occhi per il cielo ma solo l’urgenza delle tasche piene, delle “poltrone ” da difendere a tutti i costi, di chi ha smarrito la strada della “Bellezza” e si incammina, nella sua comoda condizione di benessere, sulla via della miseria spirituale.

Eppure il problema dell’indigenza, che è poi un groviglio di problemi e non ha colore è il più drammatico di tutti quelli che incombono sugli uomini. E proprio perché terribilmente serio e fortemente intriso di sofferenza e di dolore dovrebbe essere affrontato con estrema e vigile serietà, sgombrando la mente e l’animo da ogni interesse di parte sia esso scatenato da uno squallido populismo politico o da un’abissale ignoranza di quei valori universali che fanno l’uomo degno di essere UOMO.

E tutto questo non solo per ragioni etiche-morali ma perché ormai tutta l’umanità è UNA ed ugualmente coinvolta nelle stesse trame e nelle stesse responsabilità. Ogni sopruso, ogni violenza, ogni pregiudizio, ogni ingiustizia che colpisce un solo uomo di qualunque cultura, nazione o colore ci riguarda, fa parte essenziale del nostro destino di uomini, interessati ad una più ordinata organizzazione del potere e a una più equa distribuzione delle risorse ma soprattutto è l’urgenza impellente del Nostro Presente.

Condividi
Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Ultimi articoli

I portuali di Trieste sono spaccati e indecisi

I portuali di Trieste sono spaccati e indecisi, non sanno se continuare la protesta contro…

18 Ottobre 2021

Le infezioni da Covid 19 scendono del 40%

Aumentano le speranze mentre la brutale impennata comincia a diminuire. Le infezioni da Covid 19 scendono…

15 Ottobre 2021

Massimo D’Azeglio ed il partito dei moderati

Massimo D'Azeglio, futuro Presidente del Consiglio dei Ministri, arrivò tardi alla vita politica. Fuori da…

15 Ottobre 2021

Green Pass obbligatorio per circa 23 milioni di lavoratori

Da oggi il Green Pass è obbligatorio per circa 23 milioni di lavoratori pubblici e…

15 Ottobre 2021

Nuovo rialzo dei prezzi preoccupa la Casa Bianca

Nuovo rialzo dei prezzi sfida la Casa Bianca. Più alto del previsto. Si teme una duratura…

15 Ottobre 2021

Meloni: “Lamorgese ci riporta alla strategia della tensione”

Alla Camera la ministra Lamorgese ha spiegato che sabato a Roma i neofascisti non sono…

14 Ottobre 2021