Di Maio si lamenta: i “grillini” parlano brevi e circoncisi…

SODANO – Le manifestazioni popolari di Roma e di Torino sono l’espressione chiara e inequivocabile di un crescente malessere di alcuni settori della comunità nazionale che esprime una protesta, altrettanto chiara, contro le politiche pauperiste del governo Lega-5 Stelle e contro l’evidente incompetenza e incapacità di un personale politico chiamato a responsabilità di governo della nazione o di importanti città che dimostra ogni giorno di non essere in grado di assolvere a questo ruolo.

PACELLISembra infatti che il Vice Presidente del Consiglio Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle e naturalmente della sua delegazione al Governo, si lamenti del comportamento di alcuni (troppi!) dei suoi ministri che si starebbero dimostrando molto meno efficienti di quelli della Lega. Non è più solo il caso del Ministro delle Infrastrutture Toninelli, che vagheggia un nuovo ponte al posto del crollato ponte Morandi che sia anche luogo di incontro per i cittadini, o del Ministro per il Mezzogiorno Barbara Lezzi che ha aumentato da 360 a 370 i gradi dell’angolo giro senza passare per una deliberazione del Consiglio dei Ministri, o del Ministro della Salute Grillo, accusato di voler modificare una legge vigente con una circolare: adesso ci si mette anche il Ministro della Giustizia Bonafede con un dichiarazione in tema di prescrizione che definire confusa e contraddittoria è già farne un elogio. In Parlamento non va meglio: ormai c’è chi, come Davide Tripiedi prende la parola preannunciando che sarà “breve e circonciso”, sfiorando la incomunicabilità. Tutto vero: è però altrettanto vero che la classe politica grillina è stata reclutata dalla ormai famosa piattaforma Rousseau con primarie online che hanno consentito al movimento di proporre candidati assolutamente impreparati come personaggi politici, anche se privi di qualsiasi cultura della cosa pubblica, incapaci di uscire dal ginepraio di parole spesso pronunciate senza nemmeno conoscerne il significato.

Davide Tripiedi

SODANO – Credo sia giunto il momento di volgere lo sguardo da un’altra parte: non possiamo continuare a fare i censori di tutte le fregnacce che questi cosiddetti cittadini comandati a governare tirano fuori un giorno si e l’altro pure. Dobbiamo rivolgere la nostra critica a quelle formazioni politiche e a quei leader che con le polemiche contro la cosiddetta casta o con clamorosi errori politici hanno di fatto favorito l’emergere delle forze sfasciste e che ancora oggi mostrano di non essere capaci o in grado di costruire una vera opposizione e di offrire a coloro che sono scesi in piazza una prospettiva politica.

PACELLIDi Maio sta imparando a sue spese che la politica è cosa molto più complicata del lavoro allo Stadio San Paolo di Napoli: essere (o almeno dichiarare di essere) onesti non basta: occorre anche essere capaci di governare una società complessa come quella attuale con un programma politico che sia veramente tale e non assomigli al sacco della Befana che non porta mai i doni tanto sperati, specie quando ha pochi soldi da spendere. Stia tranquillo Di Maio: finisce presto…

SODANO – Sei un inguaribile ottimista! ma siccome ti conosco da tanti anni credo che il tuo sia piuttosto un auspicio. E d’altronde non può essere diversamente: hai certamente visto quella vignetta sul Corriere della Sera in cui i dirigenti del PD festeggiano l’assoluzione della Raggi che ha evitato il ricorso alle urne. È chiaro a tutti che il PD, un partito mai nato, per dirla con Cacciari, è ormai arrivato al capolinea. Bisogna scendere dall’autobus e prenderne un altro. Fuori di metafora, prima si trova una nuova bandiera, prima si individua un nuovo contenitore tanto meglio sarà per la democrazia e il benessere del nostro paese.

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Ultimi articoli

Gli eventi culturali estivi nell’alta Tuscia

Due giovani operatori culturali, Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, hanno presentato la nuova stagione di…

23 Giugno 2021

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan. Oggi Draghi interverrà in Parlamento. In…

23 Giugno 2021

L’Abruzzo torna alla Niaf. Questa volta di sicuro

Di Dom Serafini La National Italian-American Foundation (Niaf) insiste con l'Abruzzo, che torna ad essere…

23 Giugno 2021

Si vede tutto

Nel recente passato “la morte in diretta” fu la frase ad effetto per descrivere i…

23 Giugno 2021

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga.  Ammontare…

22 Giugno 2021

Dal Vaticano: “Bloccate la legge Zan”

Il Vaticano ha presentato una «nota verbale» con cui chiede formalmente allo Stato italiano di…

22 Giugno 2021