Diario di una quarantena

Fuggire attraverso un libro

di Teresa D’Auria

In questi giorni l’hashtag è #iorestoacasaeleggo.
Di continuo leggiamo nuove notizie, sui nuovi casi, sui decreti, sulle restrizioni. Queste letture però ci portano solo angoscia e preoccupazione.
La lettura dovrebbe essere qualcosa che ci sollevi da questo grigiore e ci porti in un’altra dimensione, almeno momentaneamente.
Leggere è il cibo della mente“. Sto parlando di una lettura vera, seria che ci aiuti anche in un lavoro di introspezione.

Fuggire attraverso un libro

La lettura è una porta aperta sul mondo, ci porta dove desideriamo e ci fa capire molte situazioni; è uno sfogo, un divertimento ma anche una forma di rilassamento, di liberazione.
Non possiamo fuggire da casa alla ricerca di nuovi paesaggi, ma questi paesaggi li possiamo fantasticare leggendo un bel libro.
#iorestoacasaeleggo

Dalla rubrica “Diario di una quarantena”
Quando un muro non separa
Un augurio particolare: sfondare i limiti!
Coronavirus, maestro di vita

Condividi

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022