Categorie: Anteprima News

Il premier Conte e il concorso alla Sapienza

Il premier Conte e il concorso alla Sapienza

Il sito Politico.eu ha scoperto che lunedì il presidente del Consiglio Giuseppe Conte avrebbe dovuto sostenere un colloquio per ottenere una cattedra alla facoltà di Legge dell’Università La Sapienza di Roma. La domanda di partecipazione risale a metà febbraio – quindi ben prima della sua nomina a Palazzo Chigi – e riguarda la cattedra di Diritto privato lasciata libera dal professor Guido Alpa, andato in pensione. Il curriculum di Conte ha già superato una prima selezione per titoli e ora è previsto un esame di inglese legale. I candidati rimasti, oltre al premier, sono tre. In serata Conte ha fatto sapere che non parteciperà al concorso: «Questo mio nuovo impegno istituzionale me lo impedisce, anche se l’idea di un colloquio in inglese dopo aver incontrato Trump è carina».

È salita a 45 anni l’età media della popolazione italiana

Dal confronto tra i dati Istat del Censimento del 1991 e quelli aggiornati al primo gennaio 2018 emerge un forte aumento della popolazione anziana (65 anni e più) in termini sia assoluti (da 8,7 milioni a 13,6 milioni) sia percentuali rispetto al totale di popolazione (dal 15,3% a 22,6%). Nello stesso periodo, è diminuita di quasi un milione di unità la popolazione con meno di 15 anni (da 15,9% a 13,4%). L’età media, che nel 1991 era meno di 40 anni, oggi supera i 45 anni.

L’India ha depenalizzato l’omosessualità

La Corte suprema dell’India ha depenalizzato l’omosessualità definendo illegale un vecchio articolo del codice penale risalente all’epoca coloniale britannica. L’articolo 377 parlava di «rapporti carnali contro l’ordine naturale» e prevedeva pene fino a 10 anni di prigione. L’India diventa così il 124esimo Paese al mondo dove i rapporti omosessuali non sono o non sono più considerati reati penali.

Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Ultimi articoli

Via larga, vicolo stretto…

Tra le facoltà a disposizione dei sindaci c’è anche quella di intestare le vie a…

19 Settembre 2021

Ma stavolta voto!

Da diversi anni a questa parte entro nella cabina elettorale e scrivo, in grande, “Viva…

18 Settembre 2021

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021