La ricreazione è finita

Prima di qualsiasi riflessione o commento sulla vicenda politica attuale, all’indomani delle elezioni del Parlamento del 4 marzo, dobbiamo sgombrare il campo da tutta una serie di equivoci, frutto di cattiva informazione o di una propaganda elettorale fatta in disprezzo dei cittadini, ingannati da false dichiarazioni.

L’ABC della Costituzione italiana

Partiamo dall’articolo 49 della Costituzione: con il voto l’elettore sceglie il partito e, a seconda della legge elettorale vigente, i parlamentari. Quindi i cittadini che partecipano alle elezioni esercitano il diritto di eleggere il parlamento e null’altro. Con il voto non eleggono nessun governo e non scelgono nessun premier.

La Costituzione dà al Presidente della Repubblica il potere di indicare il Presidente del Consiglio che nomina i ministri del governo stesso. È prassi costituzionale, ma non è una norma, il metodo delle consultazioni: il Presidente della Repubblica non ha nessun obbligo in questo senso.

E per finire. Il partito che prende più voti nella consultazione elettorale non ha alcun diritto di essere componente della maggioranza di governo nè di rivendicare per sé la guida del governo stesso. La Repubblica italiana è una Repubblica parlamentare ed è quindi il Parlamento la sede in cui si forma la maggioranza che sostiene il governo. Quindi il governo non è espressione di chi ha ottenuto più voti nell’urna, ma è costituito da chi è in grado ed è stato capace di realizzare una maggioranza nella Camera dei deputati e nel Senato.

Scenario internazionale

Detto questo si può affrontare il tema di quale governo è possibile e per fare che cosa. Ma per affrontarlo in modo serio bisogna sfuggire alla tentazione di seguire il confronto fra diversi leader dei partiti in campo e soprattutto di quelli che si attribuiscono la vittoria elettorale e che sembrano più preoccupati di continuare la campagna elettorale come se il voto non fosse già stato espresso piuttosto che dedicarsi alla ricerca di una maggioranza che nessuno detiene e quindi di individuare i programmi su cui si può realizzare la maggioranza.

Le questioni sul tappeto sono di straordinaria importanza: basta guardarle non dal punto di vista di una cronaca provinciale ma allungando lo sguardo a ciò che sta accadendo sotto i nostri occhi del mondo. Cominciamo dall’Europa: mentre l’Italia, la Spagna e la Grecia stanno uscendo da una crisi economica e sociale senza precedenti, otto paesi dell’Europa del Nord, la Danimarca e la Svezia oltre a Estonia, Finlandia, Irlanda, Lettonia, Lituania e Paesi Bassi dichiarano che non c’è nessuna riforma dell’eurozona da fare e soprattutto non c’è alcuna necessità di trasferire competenze dei diversi stati alle istituzioni europee. Nello stesso tempo la Merkel e Macron hanno ribadito l’impegno a presentare entro giugno un progetto di riforma che va nella direzione opposta. Da che parte sta l’Italia? Se il governo italiano fosse diretto da Salvini molto probabilmente ci troveremmo a fianco dei paesi del Nord Europa facendo saltare l’equilibrio su cui si è retta l’Unione Europea fin dal suo nascere. E quale sarebbe la posizione del governo italiano di fronte al nuovo scacchiere internazionale che vede una rinnovata contrapposizione fra l’Occidente e la Russia? In definitiva in un mondo in cui alcuni Stati alimentano nuove spinte alla contrapposizione e quanti operano sul fronte della condivisione delle sovranità per risolvere i problemi salvaguardando equilibri di pace, il ruolo di un paese come l’Italia può essere determinante per far pesare la bilancia da una parte o dall’altra.

UNIONE EUROPEA PARLAMENTO

La ricreazione è finita

Un altro elemento importante della vicenda politica attuale sono le forme del welfare e le politiche di integrazione. I programmi dei partiti che si dicono vincitori delle elezioni prefigurano governi e programmi che sui conti pubblici vogliono sfidare l’aritmetica. Per ora i mercati sembrano tranquilli ma non bisogna dimenticare che il 40% del nostro debito è nelle mani di investitori esteri. La recente crisi greca dovrebbe costituire un monito per chi immagina di vivere sulle nuvole. E la stessa preoccupazione si deve avere nei confronti di quelle formazioni politiche che dopo il 4 marzo continuano a promettere di rimpatriare centinaia di migliaia di immigrati nei loro paesi di origine, illudendo i cittadini che ciò sia possibile (non avendo l’onestà di dire che non siamo capaci di organizzare l’integrazione). Francesco dice “accogliere i migranti”, ma i cattolici gli voltano la schiena e vanno nella direzione opposta in preda alla paura emotiva del “diverso”. Andrea Riccardi ha affermato che il voto motivato dalla paura del “diverso” è una “sconfitta della Chiesa”, ma forse sarebbe più esatto dire che è la sconfitta della ragione. Vogliamo tornare agli anni trenta del secolo scorso quando c’era chi riteneva quasi doveroso cancellare anche materialmente dall’umanità i “diversi”?

Questo è l’orizzonte della crisi italiana e con questo bisogna misurarsi, smettendola di seguire le farfalle perché la ricreazione è finita.

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Ultimi articoli

Sgominata la nuova Mala del Brenta

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri hanno arrestato 39 persone accusate di voler…

1 Dicembre 2021

Può il Presidente di un organo di rilievo costituzionale svolgere attività operativa del potere esecutivo dello Stato?

È, oramai, pacifico per gli esperti che studiano le ragioni socioeconomiche e politico-culturali alla base…

1 Dicembre 2021

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante Omicron

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante. Un ciclo familiare si ripete. Le…

30 Novembre 2021

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo. Gli scienziati sono preoccupati perché «ha…

30 Novembre 2021

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna,…

30 Novembre 2021

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021