Diario di una quarantena

Libertà e Libertinismo di fronte al Coronavirus

di Nicola Cammarano

Ormai è tristemente nota la situazione nella quale versa il nostro paese in questo periodo in cui il COVID-19 domina invincibile. Pochi giorni fa c’è stato il discorso del presidente del consiglio Conte, che ha “ufficializzato” quello che la maggioranza dei cittadini aveva già compreso, ovvero che il virus pone una minaccia seria contro lo stato italiano, ed è quindi richiesto un intervallo di tempo nel quale ognuno assuma delle specifiche norme comportamentali: limitare gli spostamenti al minimo essenziale, evitare i luoghi affollati, lavare spesso le mani e così via.

pixabay.com

Gli effetti di queste limitazioni sono visibili, anche in una realtà “piccola ” come la nostra: c’è meno gente in giro per le strade, e le persone sono intrappolate in una psicosi fatta di paura e di insofferenza. Insofferenza nei confronti di questa situazione che, specifico, potrà durare ma di sicuro si risolverà; insofferenza ancor di più verso queste norme dettate, prima che dalle autorità, dal buon senso. È inutile lamentarsi del fatto che non possiamo più uscire con gli amici, non possiamo più andare dal barbiere o dall’estetista, non possiamo vivere la vita quotidiana seguendo la nostra routine, per colpa di queste restrizioni. Restrizioni che sicuramente intaccano la libertà del singolo individuo, ma che tuttavia sono necessarie.

È bene non confondere libertà con libertinismo: il libertinismo è l’agire senza regole, senza seguire una sorta di legge (che sia morale o di altro tipo), facendo tutto ciò che ci pare. Ma la libertà è, nel nostro paese, strettamente legata alla Democrazia, e questa non mi pare che sia stata violata: il governo ha preso queste decisioni ma non lo ha fatto con leggerezza e da solo. Era l’unica cosa da fare. Quindi a noi singoli cittadini va il compito di impedire la diffusione del COVID-19, sacrificando sì una porzione di libertà ma per un interesse superiore.

Condividi

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022