Roma: Don, vera pizza fritta napoletana

Nel cuore di Trastevere si trova un angolo di Napoli grazie a questo originale locale che propone esclusivamente la tradizionale pizza fritta ripiena, una preparazione tipica dei bassi partenopei che all’assaggio ci ha pienamente soddisfatto. L’impasto è realizzato a regola d’arte e viene proposto in una versione sottile che in cottura diventa croccante, dorato e soprattutto perfettamente asciutto segno di una oculata ed esperta mano al classico pentolone pieno d’olio. Al momento dell’ordine si può scegliere il cosiddetto sorriso, una mezzaluna che ricorda un calzone, nella versione grande da 100 grammi oppure piccola da 50 grammi, orientandosi tra i vari ripieni realizzati con ingredienti ben selezionati tra cui varie Dop.

Noi abbiamo provato quella con il ripieno classico, la Spaccanapoli, con ricotta di pecora, cicoli di maiale, provola, pomodoro San Marzano e basilico per un buon risultato, abbastanza equilibrato e gustoso. Ci è decisamente piaciuta la Cetara con pomodoro giallo, provola e alici dal sapore avvolgente, altrettanto gustosa la Vomero con scarola saltata in padella, olive nere di Gaeta, capperi, uvetta e pinoli dal giusto equilibrio tra l’amaro della verdura e la dolcezza della frutta secca. Oltre le pizze sono disponibili le crocchette di patate e per i più golosi alcune pizze fritte dolci.

Roma: Don, vera pizza fritta napoletana (facebook.com)

Don: ambiente

Il locale, in cui la mobilia e le pareti sono “total white” tanto da risultare ben luminoso, è costituito da un’unica sala con la zona della cucina separata da alcuni pannelli in vetro e qualche tavolo con sgabelli su cui fare una sosta.

Servizio: Professionale e corretto.

Voto 4/5

Don, Via di San Francesco a Ripa, 103 – Roma. Telefono 06/5811796

Recensione tratta da La Pecora Nera Editore

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Il governo ha approvato un nuovo decreto sulle riaperture

Il governo ha approvato un nuovo decreto sulle riaperture. Da domani il coprifuoco viene spostato…

18 Maggio 2021

Lettera immaginaria di un bambino palestinese

Cara Europa caro Mondo caro Onu ma soprattutto cari bambini, sono un bambino palestinese, sono…

18 Maggio 2021

Il giorno con più morti a Gaza mentre falliscono gli sforzi per un cessate il fuoco

Il giorno con più morti a Gaza mentre falliscono gli sforzi per un cessate il…

17 Maggio 2021

COVID-‘19 (anzi ‘21): Si è detto tutto? Si è detto troppo!

È passato anche il 1° maggio, festa del lavoro che anche quest’anno non c’è, aspettando…

17 Maggio 2021

“Piacere, io sono Giorgia”: le radici, le idee di Giorgia Meloni

Stavo leggendo il libro di Giorgia Meloni “Io sono Giorgia”, edito da Rizzoli, quando la…

17 Maggio 2021

Stella…

Seduta sulla sabbia, jeans, le mie inseparabili scarpe da ginnastica, canotta bianca, ancora non fa…

17 Maggio 2021