Categorie: Anteprima NewsOggi

Bruno Tabacci sta lavorando alla ricerca di senatori “responsabili”

Bruno Tabacci sta lavorando alla ricerca di senatori “responsabili” o “costruttori” o “volenterosi” che allarghino la base del consenso parlamentare del governo Conte.
«Naturalmente, non mi sfugge che i tempi sono ormai stretti.
Mercoledì, o giovedì, al Senato, si voterà la relazione sulla Giustizia del ministro Bonafede. Un passaggio che rischia d’essere fatale.
Poiché la materia è molto delicata, io penso che sia anche compito del ministro trovare un linguaggio… adeguato, condivisibile. Poi, sa…».
Continui.
«Senta, è semplice: se il governo non si rafforza, il voto è inevitabile».
Ma lei sta lavorando perché questo non accada.
«Io credo che puntellare la maggioranza sia possibile, anche se, ovviamente, serve un ventaglio di forze più ampio. Il rimpastino non basta. Però sia chiaro: non c’è alternativa al nome di Conte».
Lei immagina un terzo governo Conte.
«Io leggo la politica per come l’ho imparata».
Lo immagina o no?
«Certo. E Conte, aggiungo, è l’unico punto di equilibrio possibile che abbiamo in questa legislatura. I 5 Stelle tengono solo attorno al suo nome. Li puoi far rimanere compatti solo se gli dici: facciamo una cosa nuova, ma la facciamo con Conte che resta premier. Insomma: dobbiamo dire messa con i frati che ci sono».
E Italia Viva?
«Ho la forte sensazione che qualcuno di loro abbia posizioni meno ostili, diciamo più concilianti del loro capo, poi ci sono anche pezzi liberal-democratici di FI e… Un governo, volendo, si mette su».
Ipotesi governissimo, invece?
«Una sciocchezza totale».
Continui.
«No, scusi: con chi lo facciamo? Con la Meloni, che spara bordate ogni minuto? Oppure con Salvini? No, escluso. Ed escluda, mi creda, pure l’ipotesi Draghi».
Perché?
«Perché il nome di Draghi non è sul tavolo: è una bufala di Renzi» [a Fabrizio Roncone, Corriere della Sera].

In prima pagina

• A Santo Domingo un’italiana è stata stuprata e strangolata e il cadavere è stato messo in un frigorifero. Un uomo ha confessato l’omicidio e dice di essere stato pagato da un’altra italiana, ex compagna e socia della vittima
• Il corpo carbonizzato di una ragazza di 17 anni è stato ritrovato in un burrone a Caccamo, in provincia di Palermo. Il fidanzato ha fatto ritrovare il cadavere
• Da ieri la Sardegna e la Lombardia sono nella zona arancione, che ora comprende 14 regioni. In rosso solo Sicilia e Bolzano
• Nel fine settimana i morti di Covid in Italia hanno superato la soglia degli 85 mila. Ieri ce ne sono stati altri 299. Calano i ricoveri (-80) ma aumentano i posti letto occupati in terapia intensiva (+14). In Italia il tasso di positività risale dal 4,6% al 5,3%.
• La Germania curerà i malati di Covid con lo stesso mix di anticorpi dato a Trump
• Israele ha iniziato a vaccinare i ragazzi tra i 16 e i 18 anni per rimandarli a scuola il prima possibile e ha chiuso l’aeroporto di Tel Aviv per evitare le varianti del coronavirus
• Nel fine settimana, per lanciare un segnale a Joe Biden, aerei da guerra cinesi hanno sorvolato lo stretto che divide la Cina continentale dall’isola di Taiwan. Il dipartimento di Stato americano ha garantito che gli Stati Uniti sono sempre pronti a difendere i loro alleati, ma al Pentagono temono che il riarmo cinese renda molto complicato, se non impossibile, difendere l’isola da un’invasione
• Ci sono stati oltre 3.500 arresti alle proteste pro Navalny, mai così tanti in Russia.

Clamoroso

Il Friuli è la regione con la più alta percentuale di decessi al mondo.

Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Pubblicato da

Ultimi articoli

Biden denuncia gli stati che hanno tolto l’ordine delle mascherine

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES (TITOLO+COMMENTO) DEL 04/03/2021 Biden denuncia gli stati che hanno tolto l'ordine delle mascherine. Il…

4 Marzo 2021

Tasso di positività risalito al 5,8%

Ieri ci sono stati altri 347 morti di Covid. Il tasso di positività è risalito…

4 Marzo 2021

“L’altra Euridice” di Italo Calvino

Tutti o quasi conoscono la favola bella e antica di Orfeo ed Euridice, uno dei…

4 Marzo 2021

Accordo fatto per velocizzare la consegna del vaccino da una dose

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 03/03/2021 PRIMA PAGINA Abbastanza vaccino per ogni adulto in…

3 Marzo 2021

Il mistero dell’antilope: il caso Lockheed

Febbraio 2003. Partono gli alpini del contingente italiano in Afganistan. Salgono su aerei dalla sagoma…

3 Marzo 2021

Draghi firma il nuovo DPCM

Draghi ha firmato il nuovo dpcm, che sarà in vigore dal 6 marzo al 6…

3 Marzo 2021