Un’occhiata all’avviamento delle elezioni europee

Tra di noi, che leggiamo o scriviamo su queste pagine, c’è chi ha fatto attività politica e poi l’ha smessa. E c’è chi l’ha smessa e poi si è “riaffacciato sul cortile”. E c’è ancora chi non l’ha fatta e qualche volta si chiede “ma faccio bene a lasciare sempre che altri facciano politica anche per me?”.

Ebbene, tra coloro che si sono (timidamente) “riaffacciati sul cortile”, vorrei provare qui periodicamente a dire cosa vedo da quella finestra. Qualche volta per rincuorarmi per il tentativo in corso. Altre volte per dolermene. In ogni caso per informare propensi e titubanti.

La finestra sul cortile

Nella cornice gialloverde di un governo tra i meno giustificati nella storia d’Italia al premio di un così largo consenso elettorale incassato non per le cose fatte ma per la paura e la confusione dell’elettorato in vena di schiaffeggiare la politica, sto vedendo che questo elettorato ancora non ha pienamente percepito la natura ingiustificata di questo consenso. Anche se i cedimenti di 5 Stelle alle elezioni regionali avvenute sono un segnale di smottamento che segue ormai una traccia.

Sto anche vedendo che la ricomposizione, a destra e a sinistra dell’amalgama governativo, è assai più lenta e programmaticamente fragile rispetto al necessario.

Sto vedendo infine che le ormai imminenti elezioni europee, come è accaduto quasi sempre in Italia, non riescono ancora a mettere sul tavolo la natura della posta in gioco: cioè un’Europa comune migliorabile oppure il suo pericoloso tracollo (con la Brexit a fare da apripista). Così da falsificare ancora una volta il confronto elettorale.

Partiti grandi e piccoli restano per lo più legati alla visione prevalente negli ultimi anni: il marketing meglio della teoria economica e sociale. Più interessante, insomma, parlare del posizionamento (un po’ più in là, un po’ più in qua, con questo e non con quello, a braccetto del tale o non a braccetto) che accettare di indagare una proposta sostenibile (giacché di proposte insostenibili è piena la cronaca) per chiamare a raccolta la domanda di soluzioni. Che è un argomento più serio in politica della domanda di punizioni.

Non insisto sulla mia pur intuibile precisa posizione, ovvero sul carattere politico della mia finestra, a cui arrivo da anni di non appartenenza, di molto civismo progressista, con esperienze in materia di diritti civili e soprattutto nel tentativo di recuperare la memoria storica migliore di questo paese (contro chi l’ha pesantemente voluta tagliare) e la necessità di tenere insieme politica e cultura. Non intendo fare propaganda attraverso questi miei modesti “sguardi”. Dico solo che se si torna non so se a fare ma almeno a pensare politica, non basta più avere senso critico nei confronti degli altri. Bisogna ricordarsi bene anche dei tanti errori che abbiamo commesso.

Su questo la mia argomentazione più recente sta nella raccolta degli scritti civili del 2018 contro chi ha attaccato pesantemente la democrazia liberale nel nostro paese[1], sapendo – come ha scritto Emma Bonino nella prefazione – che quella che lei chiama “la maledizione” ha riguardato l’impossibilità di tutti i soggetti che, tra le due grandi parrocchie elettorali dei comunisti e dei democristiani, si sono richiamati alle culture liberalsocialiste e liberaldemocratiche (Lib-Lab), ma hanno fatto di tutto per litigare e non trovare per tempo la quadra necessaria per tenere in carreggiata l’Italia.


[1] Stefano Rolando – Post Azionismo. Scritti civili nell’anno dell’attacco alla democrazia liberale – prefazione di Emma Bonino, Editoriale Scientifica, marzo 2019.

Condividi
Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Ultimi articoli

Meloni, Salvini e Berlusconi riempiono piazza del Popolo

La Meloni, Salvini e Berlusconi riempiono piazza del Popolo, a Roma, per la chiusura della…

23 Settembre 2022

È scattata la fuga dalla Russia

Putin ha annunciato la mobilitazione parziale di 300 mila soldati: «Useremo ogni mezzo per proteggerci.…

22 Settembre 2022

Alla scoperta dell’Italia in auto, gli itinerari in viaggio con la 4 ruote, interessante la scelta del noleggio

Da viversi intensamente in coppia, con amici o famigliari, il viaggio in auto è un’occasione…

21 Settembre 2022

Nel Donbass, a Kherson e Zaporižžja si terranno i referendum per l’annessione alla Russia

Da dopodomani fino al 27 settembre nel Donbass, a Kherson e Zaporižžja si terranno i…

21 Settembre 2022

Sul voto di domenica incombe il ricorso di Marco Cappato

Sul voto di domenica incombe il ricorso di Marco Cappato, che chiede di riammettere la…

20 Settembre 2022

Vogliamo, ma se lo troviamo a meno…

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/09/2022 è di Massimo Chiriatti e ci deve far…

19 Settembre 2022