L’enigma à boule de neige

È interessante l’incontro tra l’enigmistica italiana e la letteratura potenziale. Questa, si sa, nasce da quel “laboratorio” francese dell’Oulipo (l’Ouvroir de Littérature Potentielle) nato dalla felice aggregazione di letterati appassionati di scienze esatte e di matematici amanti della letteratura. L’attività degli oulipiani è stata sempre tesa alla ricerca di nuove forme di far poesia, di fare letteratura, sperimentando vie nuove e nuove costrizioni. Costrizioni spesse volte formali ma, in ogni caso, per gli oulipiani il gioco è fatto allorché, assunto un determinato vincolo, vien fuori un prodotto tutto costruito nel rispetto di quella regola.

Una della tante acrobazie di questi giocolieri francesi della parola è la boule de neige, originale composizione nella quale si assiste al continuo dilatarsi della scrittura in virtù dello scritto formato da parole dal numero di lettere sempre crescenti di una sola unità (proprio come una palla di neve…). La tecnica è in qualche maniera riconducibile a quella del classico technopaegnion, un carme figurato costituito da una serie di versi di differente lunghezza, che generano nel loro insieme un disegno. L’effetto è meglio assicurato da una visione a distanza della massa scritta, che, in tal modo, più nettamente si staglia sullo sfondo bianco della pagina.

Gli enigmisti sono però più esigenti, in quanto non si accontentano generalmente della sola restrizione formale; questa, se c’è, non rimane mai fine a sé stessa, ma diventa il pretesto, il punto di partenza per tessere su di essa le trame di una vera e propria bivalenza semantica. È certamente più sofisticato, ad esempio, il risultato di questo enigma di Paolo Marucchi, nel quale la doppia significazione viene addirittura dichiarata nella stessa figurazione del testo.

Leggi anche
La bella Lisetta e le storielle di Fellini

Condividi
Raffaele Aragona

Raffaele Aragona (Napoli), ingegnere, ha insegnato Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli “Federico II”. Giornalista pubblicista, ideatore e promotore dei convegni di caprienigma, è tra i fondatori dell’Oplepo. Per la “Biblioteca Oplepiana” ha scritto La viola del bardo. Piccolo omonimario illustrato (1994) e molti altri lavori in forma collettanea. Autore di Una voce poco fa. Repertorio di vocaboli omonimi della lingua italiana (Zanichelli, 1994), ha curato per le Edizioni Scientifiche Italiane, i volumi: Enigmatica. Per una poietica ludica (1996), Le vertigini del labirinto (2000), La regola è questa (2002), Sillabe di Sibilla (2004), Il doppio (2006), Illusione e seduzione (2010), L’invenzione e la regola (2012). Sono anche a sua cura: Antichi indovinelli napoletani (Tommaso Marotta, 1991, ried. Marotta & Cafiero, 1994), Capri à contrainte (La Conchiglia, 2000), Napoli potenziale (Dante & Descartes, 2007) e il volume Italo Calvino. Percorsi potenziali (Manni, 2008). Ha pubblicato il volumetto Pizza nella collana “Petit Précis de gastronomie italienne” (Éditions du Pétrin, Paris, 2017). È autore di due volumi per le edizioni in riga (2019): Enigmi e dintorni e Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale. Il suo Oplepiana. Dizionario di letteratura potenziale è pubblicato da Zanichelli (2002).

Ultimi articoli

Via larga, vicolo stretto…

Tra le facoltà a disposizione dei sindaci c’è anche quella di intestare le vie a…

19 Settembre 2021

Ma stavolta voto!

Da diversi anni a questa parte entro nella cabina elettorale e scrivo, in grande, “Viva…

18 Settembre 2021

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021