La pecora nera

Torino: Ristorante Il Deposito Bistrot

Appena fuori dal centro, nella zona circostante il nuovo campus universitario lungo il fiume Dora, sorge questo locale dall’aria trendy e dal blu ammiccante alle pareti che, varcata la soglia, riesce a trasmettere in poco tempo la sua sostanza di ristorante legato alla tradizione culinaria piemontese e ligure, con grande attenzione alla materia prima e ai prezzi. Il menù, infatti, propone un perfetto mix di piatti ispirati a queste due regioni, con alcune originali rivisitazioni coma la parmigiana di coste rosse o gli agnolotti al tovagliolo con timo e limone.

Le paste fresche sono di produzione propria, mentre i deliziosi grissini arrivano da un panificio della prima collina torinese e vengono infornati prima del servizio per garantirne la fragranza. Abbiamo iniziato la nostra cena con del vitello tonnato, lasciandoci sorprendere da un’ottima salsa di tonno, acciughe e capperi, senza uovo, dalla piacevole consistenza granulosa e dai sapori ben distinti, per poi proseguire con il “brandacujun” (il nome deriva dalla necessità di scuotere gli ingredienti, operazione svolta tradizionalmente dagli uomini che tenevano la pentola tra le gambe), un delicato amalgama di stoccafisso, patate, aglio e prezzemolo e con una crema di lenticchie saporita ed arricchita dalla presenza di sarde gustose e granella di limone e basilico al forno, tipo crumble.

Torino: Ristorante Il Deposito Bistrot (facebook.com)

Non convincente del tutto il risotto alle foglie e fiori di malva dal bel colore verde brillante ma non perfettamente mantecato, succulenta, invece, la faraona al limone, leggermente piccante, con contorno di zucchine.

Degna di nota la ristretta ma curata selezione di vini e birre artigianali, i primi esposti alle pareti con indicazione dei prezzi.

Il Deposito: ambiente

Vecchi tavoli da cucina con il piano di marmo, piatti della nonna, pareti sui toni del blu che richiamano il mare della Liguria (tra le fonti d’ispirazione del menù), che si mescolano a mobili in arte povera e complementi in legno scuro, donando calore all’insieme.

Servizio: Molto cordiale, con la titolare pronta a rispondere a domande dettagliate sul menù e sulla carta dei vini e il resto del personale di sala attento a non fare mancare nulla alla clientela.

Voto 3,5/5

Il Deposito, Via Ercole Ricotti, 1 – Torino. Telefono 011/0200239

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Nerio Alessandri: 10 cose che ho imparato sulla vita

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Nerio Alessandri, CEO & Founder Technogym, un…

5 Ottobre 2022

UE propone un nuovo Recovery Fund per far fronte al caro energia: Germania, Olanda e Austria sono contrarie

Il vertice europeo dei ministri dell’Economia in Lussemburgo si è concluso con un nulla di…

5 Ottobre 2022

Gli ucraini sfondano anche a Sud

Le forze ucraine hanno sfondato il fronte anche a Sud, ora marciano verso Kherson. I…

4 Ottobre 2022

Risparmio energetico e smart metering: lo studio di Hermes Centro Studi Europeo

Parliamo di risparmio energetico e di come migliorare la consapevolezza dei propri consumi con l’adozione…

4 Ottobre 2022

Lula e Bolsonaro vanno al ballottaggio

In Brasile Lula e Bolsonaro andranno al ballottaggio. Al primo turno l’ex presidente si è…

3 Ottobre 2022

La Germania si fa un tetto al prezzo del gas per conto suo, Draghi furibondo, l’Europa a pezzi

Il cancelliere tedesco Scholz annuncia un maxi-intervento da 200 miliardi in Germania per affrontare il…

30 Settembre 2022