La pecora nera

Torino: Ristorante Le Papille

Il locale è situato all’interno di un bel cortile pieno di piante, in quella che un tempo era una casa di ringhiera, e si suddivide su due livelli: il piano terra è adatto per sorseggiare un calice di vino in orario di aperitivo (interessante la formula che prevede 4 tapas piemontesi del giorno e un bicchiere in mescita al prezzo di 10 euro), al piano superiore, invece, c’è la zona ristorante con un terrazzo verandato godibile in tutte le stagioni.

Noi lo abbiamo provato per cena, iniziando con un branzino in ceviche, piatto in cui la marinatura tipica peruviana, che fornisce al crudo un sapore inconfondibile con note piccanti e di spiccata acidità, esalta la buona qualità della materia prima senza risultare coprente. Abbiamo poi proseguito con un ottimo risotto agli asparagi arricchito dalla croccantezza della granella di pistacchi e dallo spiccato sentore di menta, deciso, ma non invasivo. Buona anche la cottura del filetto di maiale, accompagnato però da una quantità eccessiva di marmellata di prugne non convincente e dagli agretti che avevano un sentore di aglio troppo pronunciato. In chiusura, infine, una zuppetta di cocco e cioccolato bianco con fragole, mango e maracuja, un dolce fresco, originale e ben bilanciato nelle sue componenti.

Torino: Ristorante Le Papille (facebook.com)

Le Papille: ambiente

Il ristorante è posto al primo piano di un fabbricato con affaccio su un cortile interno, verde e accogliente, dove è possibile godersi un aperitivo in relax. La mise en place è semplice e minimalista ma curata e l’arredo in stile shabby chic che fa sentire subito in un elegante contesto rurale.

Servizio: Buona l’accoglienza del cliente, attenta alla formalità, forse troppo considerando il tipo di locale dall’impronta sì elegante, ma in un contesto un po’ alternativo. Il personale di sala è competente, ma il servizio appare distaccato e con qualche imprecisione.

Voto 3,5/5

Le Papille, Via Principi d’Acaja, 37 – Torino. Telefono 011/2761857

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Nerio Alessandri: 10 cose che ho imparato sulla vita

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Nerio Alessandri, CEO & Founder Technogym, un…

5 Ottobre 2022

UE propone un nuovo Recovery Fund per far fronte al caro energia: Germania, Olanda e Austria sono contrarie

Il vertice europeo dei ministri dell’Economia in Lussemburgo si è concluso con un nulla di…

5 Ottobre 2022

Gli ucraini sfondano anche a Sud

Le forze ucraine hanno sfondato il fronte anche a Sud, ora marciano verso Kherson. I…

4 Ottobre 2022

Risparmio energetico e smart metering: lo studio di Hermes Centro Studi Europeo

Parliamo di risparmio energetico e di come migliorare la consapevolezza dei propri consumi con l’adozione…

4 Ottobre 2022

Lula e Bolsonaro vanno al ballottaggio

In Brasile Lula e Bolsonaro andranno al ballottaggio. Al primo turno l’ex presidente si è…

3 Ottobre 2022

La Germania si fa un tetto al prezzo del gas per conto suo, Draghi furibondo, l’Europa a pezzi

Il cancelliere tedesco Scholz annuncia un maxi-intervento da 200 miliardi in Germania per affrontare il…

30 Settembre 2022